Logitravel

Guide Turistiche di Trapani

Trapani

La città del sale e della vela

Trapani

La città siciliana incastonata tra mare e monti

La città siciliana incastonata tra mare e monti
Posta esattamente sul punto della terra ferma che segna l'incontro tra due mari, il Tirreno e il Mediterraneo, Trapani è una bella città della Sicilia, un centro turistico e commerciale d'immensa bellezza, grazie al suo porto antico, all'affascinante piccolo comune di Erice, che si trova sull'omonimo monte, proprio alle spalle della città e a un patrimonio artistico di assoluto pregio. Trapani viene conosciuta con l'appellativo di città del sale e della vela, nomea legata a due aspetti caratterizzanti la città, ovvero l'estrazione e il commercio del sale e l'amore per gli sport acquatici, tra cui spicca appunto quella della vela. Ma nono sono gli unici due aspetti per cui viene ricordata Trapani: prima di tutto va menzionata la sua forma di falce che in punta raggiunge la Torre di Ligny. La tradizione vuole che la forma sia da ricondurre alla dea del grano Demetra che fece cadere la sua falce proprio qui, mentre era alla disperata ricerca della figlia Proserpina, rapita dal dio della Morte, Ade. E ancora va ricordato il passato fiorente di questo centro, conosciuto in tutto il Vecchio Mondo per la produzione di coralli (che insieme al sale e al tonno garantivano il sostentamento economico della città). Oggi, nel museo Pepoli, potrete ammirare una collezione di opere in corallo.

Trapani è una città che non vi deluderà: la sua posizione geografica già di per sé vale una visita in questo centro siciliano. Si tratta di una vera e propria perla del Mediterraneo, collocata tra mari e monti, circondata da isole di rara bellezza e caratterizzata da un clima assolutamente invidiabile. Ecco perché ogni mese dell'anno in realtà è buono per recarvi: tuttavia, è preferibile scegliere la stagione primaverile ed estiva per godere delle spiagge e della vita marittima. E' consigliabile inoltre visitare questa città durante la Pasqua: le temperature sono calde, ma non afose e potrete anche godere della vita animata dalle manifestazioni, feste paesane, kermesse ed eventi che si svolgono in città e nei paesi limitrofi. Tra tutte da non perde è la famosa processione dei Misteri, che si svolge durante il venerdì santo.

Uno dei tratti distintivi di Trapani è rappresentato, come sopra accennato, dalle saline, che investono tutto il tratto di costa che si estende tra Marsala a Trapani: si tratta di specchi d'acqua all'interno dei quali si trova il sale. Lo skyline di questo paesaggio basso e silenzioso viene a tratti interrotto dalla presenza di bei mulini a venti che un tempo erano utilizzati per macinare il sale. Vicino a Trapani si trova il famoso Museo del sale realizzato all'interno di una casa saliera con più di trecento anni di storia: potrete capire come si lavora il sale, quali strumenti vengono utilizzati e quali sono le fasi di questo lavoro.

Da non perdere poi una visita alle Saline di Trapani e Paceco, che rientrano in una riserva del WWF grazie alla varierà di uccelli (come fenicotteri, aironi, cicogne e gru) che vivono qui. Di fronte alla costa di Trapani esplodono in tutta la loro bellezza le isole Egadi, un arcipelago composto da 5 isole (Favignana, Levanzo, Marettimo, Maraone e Formica): se avete tempo a disposizione è assolutamente consigliata una visita. Trapani, con il suo porto, rappresenta il punto migliore per delle escursioni verso le Isole Egadi, così come per le gite e Pantelleria, in Sardegna o in Tunisia.

Se volete poi respirare il vero spirito della gente del posto dovete recarvi al porto di mattina:  ogni giorno si tiene un pittoresco mercato del pesce, che vi consentirà di amare ancora di più questa bella città siciliana.

Chiese, palazzi e luoghi d'arte: cosa visitare a Trapani

Chiese, palazzi e luoghi d'arte: cosa visitare a Trapani
Sono moltissimi i luoghi di interesse storico-artistico-architettonico che potrete ammirare a Trapani. Ecco una lista dei posti assolutamente imperdibili:
  • Il complesso dell'Annunziata
Costruito dai Carmelitani il complesso dell'Annunziata comprende l'omonimo Santuario più il principale museo della città, ovvero quello di Pepoli. Per quanto riguarda la costruzione religiosa si tratta di un edificio del 14esimo secolo, caratterizzato da una facciata gotica sovrastata da un bellissimo rosone. Da non perdere la Cappella dei Marinai in tufo, quella dei Pescatori con la cupola affrescata e quella della Madonna, raggiungibile passando sotto a un bellissimo arco di stampo rinascimentale. Sull'altare potrete ammirare la statua di Nino Pisano chiamata "Madonna di Trapani". Proprio vicino al Santuario dell'Annunziata si trova il Museo Pepoli famoso perché ricostruisce il periodo d'oro della storia della città legato alla produzione di coralli e utile per chi volesse riassumere tutta la storia di Trapani, dalla preistoria al 19esimo secolo.
  • I palazzi
Bellissimo il centro storico di Trapani che rappresenta il nucleo antico e che conserva ancora oggi le caratteristiche tipiche delle cittadine arabe, con le piccole vie intricate. Da non perdere i bellissimi palazzi, come quello Ciambra, chiamato anche palazzo della Giudecca, realizzato nel 16esimo secolo e caratterizzato da uno stile plateresco e situato nel quartiere ebraico; il Palazzo Senatorio (o Cavarretta) con le sue colonne e le sue statue e la sua facciata con i due orologi; i settecenteschi Palazzo Riccio di Morana circondato da statue e il Palazzo Milo che dominanavano l'antica Rua Nova, oggi chiamata via Garibaldi. E ancora Palazzo Fardella di Mokarta, Palazzo Melilli, e Palazzo Berardo Ferro e la sede del Vescovado.
  • Le chiese
Sempre nel centro storico spiccano interessanti costruzioni religiose: tra tutte spicca la Cattedrale di San Lorenzo, realizzata nel Seicento sopra un preesistente edificio del Trecento. Si tratta di una chiesa barocca che conserva al suo interno alcuni interessanti dipinti fiamminghi. Bella, per il suo portale catalano anche la Chiesa di Santa Maria del Gesù, datata nel Cinquecento. Da non perdere, poi la Chiesa del Collegio, con la sua facciata manieristica realizzata nel corso del Seicento. E ancora la Badia Nuova (S. Maria del Soccorso) con il suo arredo barocco e la Chiesa di Sant'Agostino, che vanta una lunghissima storia: fu infatti edificata dai templari nel 1300 e parzialmente distrutta nel corso della seconda guerra mondiale. Oggi è possibile ancora ammirare il suo rosone e il portale gotico, oltre che la bella fontana dedicata a Saturno che venne realizzata nel 1342 proprio di fronte alla chiesa.
  • La Torre di Ligny
La Torre di Ligny viene considerata una sorta di simbolo della città perché rappresenta la punta estrema del disegno della falce che la città di Trapani forma. Fu realizzata a scopi difensivi nella seconda metà del Seicento: da qui è possibile ammirare una fantastica vista panoramica sulla città e sulle vicine isole Egadi.
  • Le vie
Due sono le vie principali di Trapani: si tratta di Via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele, un tempo conosciute rispettivamente come Rua Nova e Rua Grande. Si tratte delle più belle arterie viarie di questo centro, caratterizzati da importanti palazzi, negozi, locali.
  • Biblioteca Fardelliana
Se amate l'arte antica non perdetevi la serie di incisioni (collezione Gatto) ospitata all'interno della Biblioteca Fardelliana.
  • Erice
A soli tredici chilometri di distanza da Trapani si trova il borgo pittoresco di Erice: un comune medioevale d'immensa bellezza che ha cambiato nome nel 1934 (fino ad allora era conosciuto come Monte San Giuliano) e che deve il suo nome attuale a un personaggio mitologico, Erix, figlio di Afrodite e di Boote, ucciso da Ercole. Dalle mura medioevali al castello normanno, dalle rovine del Tempio della Venere Ericina alla Chiesa Madre dell'Assunta: questo e molto altro sono quello che potrete ammirare a Erice, senza dimenticare le fantastiche viste panoramiche sulla città di Trapani.

La cucina varia di Trapani

La cucina varia di Trapani
La posizione geografica di Trapani e la sua storia caratterizzata da dominazioni diverse hanno fortemente influenzato la cucina tipica della città. Andiamo con ordine: la posizione geografica. Trapani si trova affacciata sul mare, esattamente nel punto in cui il Tirreno e il Mediterraneo si sposano: la cucina tipica di questa zona non poteva che essere tipicamente a base di pesce. Una gastronomia marittima, dunque, come dimostrano i tanti locali che hanno il menù variabile a seconda del pesce fresco pescato in giornata.

Per quanto riguarda il secondo aspetto, ovvero le diverse dominazioni, è facilmente riscontrabile nella cucina trapanese un'influenza da parte di greci, fenici, romani, arabi, normanni e spagnoli: i segni indelebili del loro passaggio non si notano infatti solo nelle costruzioni e nell'architettura urbana di Trapani, quanto piuttosto anche nella sua cucina. Tra tutti spicca ad esempio il cous cous di pesce, una ricetta di derivazione araba. Tra i piatti tipici che potrete gustare nei tanti ristoranti della città o nelle taverne di provincia ci sono il pisci d'ovo, una sorta di omelette preparata con pane raffermo e pecorino, la pasta con le sarde, la zuppa di pesce e la pasta con il pesto alla trapanese chiamata in dialetto locale "pasta cu l'agghia". Amatissimo tra i pesci è anche il tonno, preparato in più modi e l'aragosta servita anche in brodo. Se siete amanti della carne non temete potrete trovare ottime ricette a base di carne (e ancora più varianti se vi spostate verso l'entroterra): tra i piatti per "carnivori" ci sono le braci, le polpette, gli arrosti, lo stufato di agnello.

I pasti si concludono poi sempre con il dolce, vera prelibatezza della cucina siciliana: cannoli siciliani, torta alla ricotta e soprattutto le graffe, ovvero i kaapfen preparati in modo delizioso dalle pasticcerie locali. E da non perdere poi i biscotti, come i taralli, i catalani, i mustazzoli e i paccanti, farciti in modi diversi (con mandorle, zucca, o ricotta) molto amati dai cittadini del posto e dai tanti turisti.

Tra i ristoranti in città si segnala la Taverna Paradiso, sul lungomare Dante Alighieri al civico 22, specializzata in cucina di pesce; la pizzeria Amici miei nella stessa via, che serve anche il famoso polpo fritto; la trattoria del Sale, proprio in mezzo alle saline di Trapani con i suoi spunti a base di tonno e spada affumicati, alici, pomodori secchi, olive, pomodori freschi in insalata, formaggio primo sale, e bruschette; La tavernetta nel cuore del centro storico e la pasticceria Colicchia famosa per i suoi cannoli e per i dolcetti alle mandorle.

Tra tradizioni popolari ed eventi internazionali

Tra tradizioni popolari ed eventi internazionali
Festival internazionali, sagre popolari, feste religiosi ed eventi d'arte: a Trapani troverete di tutto. In ogni periodo dell'anno potrete godere di kermesse ed eventi che renderanno la vostra vacanza in questa città siciliana ancora più piacevole. Tra le manifestazioni che si tengono in città e in provincia, ecco quelle a cui non dovreste mancare:
  • Processione dei Misteri
L'evento più suggestivo che si svolge a Trapani è quella della processione dei Misteri che ha luogo nel giorno del Venerdì santo: in quest'occasione i Misteri (che sono antiche statue di legno che simboleggiano la Passione di Cristo) vengono portati a spalla in una lunghissima processione che dura ben 24 ore. La processione passa per le strade del centro storico mentre dai balconi i cittadini del posto lanciano petali di fiori. La processione dei Misteri è solo in culmine di una serie di eventi che animano la città durante la settimana di Pasqua, non a caso il periodo pasquale è considerato uno dei migliori per visitare la città.
  • Festival Internazionale degli aquiloni
Dal 2009 uno degli eventi più importanti è rappresentato dal Festival Internazionale degli aquiloni che porta nella provincia di Trapani, a San Vito Lo Capo, a una trentina di chilometri dalla città, i migliori aquilonisti di tutto il globo. Aquiloni acrobatici, statici, dipinti e sculture mosse dal vento caratterizzano questo evento assolutamente affascinante, con i suoi colori e il suo clima festoso. La manifestazione dura una settimana e di solito si svolge nel mese di maggio.
  • Festival Internazionale del Folklore
Un altro evento con eco internazionale è rappresentato dal Festival del Folklore che si tiene nel Comune di Vita, a una trentina di chilometri da Trapani, nell'entroterra siciliano. Si tratta della più importante manifestazione folkloristica di tutta la Sicilia occidentale finalizzata a diffondere le abitudini, gli usi e le tradizioni popolari sia siciliane che di altre regioni di paesi stranieri, come Lituania, Serbia, Ucraina, Perù. Musica, cibi e prodotti tipici, spettacoli sono all'ordine del giorno in questo festival che si svolge durante la prima settimana del mese di agosto.
  • Festa di Sant'Alberto a Trapani
Il 7 agosto in città si festeggia Sant'Alberto compatrono di Trapani, insieme con la Madonna.