Logitravel

Guide Turistiche di Bergamo

Bergamo

Due città in una

Bergamo

Una città di rara bellezza nel cuore della Lombardia

Una città di rara bellezza nel cuore della Lombardia
Vive all'ombra di Milano eppure Bergamo non ha assolutamente nulla da invidiare al capoluogo lombardo in termini di bellezze artistiche e architettoniche. Certo, non è una città multiculturale come quella della Madonnina, tuttavia costituisce una delle città più belle di tutta la Regione. Merito, senza ombra di dubbio, della peculiarità di questa città, ovvero l'essere letteralmente divisa in due parti: Città Alta e Città Bassa.

E' proprio la parte rialzata a rappresentare il cuore e il fascino di Bergamo: costruita nel Medioevo e racchiusa all'interno delle mura di stampo veneto, Bergamo Alta rappresenta una perla architettonica di immenso valore, all'interno della quale ancora oggi si trovano importanti resti storici. A questo si aggiunge una vista mozzafiato che rende la passeggiata lungo le mura il luogo prediletto per gli innamorati. La città si colloca poi in una posizione geografica bellissima: intorno a Bergamo spiccano le montagne, le valli del Brembo e del Serio, luoghi fantastici da visitare in ogni stagione. D'estate è preferibile dedicarsi al trekking e alla visita della città, d'inverno non sono da perdere le belle piste da sci che si trovano a poca distanza dalla città stessa.

Per quanto riguardano i luoghi d'interesse questi si concentrano principalmente nella città città Alta, nucleo antico, mentre la zona bassa costituisce principalmente la Bergamo moderna e commerciale. Negli ultimi anni il turismo in questa città si è moltiplicato: a contribuire ad accrescere la fama di questo centro di rara bellezza ci ha pensato l'aeroporto di Orio al Serio, collocato a pochi chilometri di distanza dal centro storico. Si tratta di uno dei principali scali del Nord Italia a garantire prezzi low cost, motivo per il quale è sempre molto trafficato: l'aeroporto serve anche la città di Milano, che dista una sessantina di chilometri scarsi dal centro di Bergamo.

A rendere Bergamo animata ci pensano poi gli studenti universitari che affollano la città. Ci sono più sedi universitarie, le facoltà umanistiche si trovano all'interno delle mura di città Alta, la facoltà economica in città Bassa e quella di Ingegneria nella sede distaccata situata nel comune di provincia di Dalmine.

La fama culturale della città è principalmente legata alla musica: Bergamo è la patria natale di uno dei principali musicisti e operisti d'Italia, Gaetano Donizetti che nacque in città nel 1797 e morì nel 1848. La fama del musicista si deve a «Lucia di Lammermoor» (1835) che consacrò il suo nome nella storia dell'opera italiana, accanto a quelli di Gioacchino Rossini e di Vincenzo Bellini. 

Un tour tra Città Alta e Bergamo Bassa

Un tour tra Città Alta e Bergamo Bassa
Il cuore della città di Bergamo, il vero simbolo della stessa, è rappresentato da Città Alta, cinta dalle mura, già esistenti in epoca romana ricostruite poi nel corso del medioevo, più volte modificate e ricostruite. Una visita a Bergamo non può che incominciare da qui, ammirando le fantastiche viste panoramiche e le bellissime costruzioni antiche che sono conservate. Solo dopo si potrà proseguire verso la Città Bassa, che presenta anch'essa tesori di inestimabile valore. Ecco tutto quello che non dovete perdervi di questa singolare città lombarda.
  • Città Alta 
Si parte da Piazza Vecchia, simbolo della città, definita dall'architetto Le Corbusier "la più bella piazza d'Europa": la piazza ha raggiunto il suo splendore durante la dominazione veneta. In questa larga piazza, che - tempo permettendo - rappresenta uno dei luoghi prediletti per i molti studenti universitari, si trova il Palazzo della Ragione di età comunale, il Campanone, ex torre civica che ogni sera alle 22 rintocca i 180 colpi che in passato segnavano la chiusura delle porte della città per la notte, oggi sede universitaria, e la Biblioteca Civica Angelo Mai, situata in un bellissimo palazzo seicentesco di marmo bianco, un tempo sede del Municipio. Al centro della piazza spicca un'elegante fontana, donata alla città da Alvise Contarini, podestà veneto, nel corso del 18esimo secolo e tutto intorno locali, bar e caffè animano la zona.

Superando un arco sottostante al Palazzo della Ragione si raggiunge la piazzetta attigua del Duomo dove si trova appunto questa costruzione religiosa di grande bellezza, progettata dal Filarete. Da non perdere una visita all'interno del Duomo: potrete ammirare la cappella del Crocifisso (di origine cinquecentesco) e un abside con le tele di grandi artisti, come il Tiepolo. Adiacente si trova un'altra costruzione religiosa degna di nota, ovvero la Basilica di Santa Maria Maggiore, in stile romanico, realizzata nel 12esimo secolo. All'interno si trova la tomba di Gaetano Donizetti, compositore e operista bergamasco vissuto nel corso della prima metà dell'Ottocento, e del suo maestro Simon Mayr. Arazzi pregiati, tarsie di corso e iconostasi, la Cappella dei Colleoni, e un confessionale barocco opera di Andrea Fantoni costituiscono altri motivi per visitare questa chiesa.

Ritornando in Piazza Vecchia si prosegue in direzione della Cittadella fino a raggiungere Colle Aperto, dove si trova una delle quattro porte della città, ovvero quella di San Alessandro con lo stemma veneziano del Leone di San Marco. Attraversando la porta è possibile poi raggiungere la funicolare che conduce fino al Colle di San Vigilio. All'inizio di città Alta, inoltre, appena superata la Porta di Sant'Agostino da non perdere la chiesa sconsacrata omonima, oggi sede della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Bergamo. Si tratta di una costruzione realizzata nel 14esimo secolo, caratterizzata da una facciata gotica e da un soffitto decorato.

E ancora il Parco delle Rimembranze che si trova sul colle di Sant'Eufemia, il più alto di Bergamo e che sorge introno alla rocca trecentesca. Viene chiamato in questo modo perché molti bergamaschi furono fucilati dagli austriaci per reati politici nel corso dell'Ottocento. Sul muro esterno è oggi possibile trovare una lapide con i nome di alcuni uccisi.
  • Città Bassa
Sicuramente Bergamo Bassa è meno affascinante della città Alta. Non ci sono viste panoramiche mozzafiato, tuttavia questa parte moderna della città ha molto da offrire ai visitatori. Si parte dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie con l'ex convento annesso, realizzato dai francescani nella prima metà del 1400, si prosegue con i propilei di Porta Nuova, fino ad arrivare a Palazzo Frizzoni, sede del Municipio. L'edificio domina piazza Matteotti dove potrete ammirare anche alcuni monumenti importanti, come quello al Partigiano di Giacomo Manzù e la statua di Cavour opera di Bistolfi.

Non perdetevi, a questo punto, una passeggiata lungo il Sentierone lastricato, tra negozi e antichi palazzi. Tra le altre mete degne di nota in città c'è il famoso Teatro Donizetti, la Chiesa di San Bartolomeo, la Torre dei Caduti di piazza Vittorio Veneto e il Chiostro di Santa Marta.

E ancora assolutamente da visitare c'è la piazzetta Dante con la sua bella fontana settecentesca, il Palazzo di Giustizia e il Palazzo della Banca d'Italia entrambi realizzati da Piacentini all'inizio del XX secolo e il Palazzo della Camera di Commercio, opera che porta la firma dell'architetto bergamasco Luigi Angelini.

Consigliata una passeggiata anche lungo Borgo Pignolo: si tratta di una zona di origini medievale dove si trovano incredibili palazzi neoclassici che collega la città Bassa alla città Alta. Qui si trova anche la Gamec, la Galleria d'arte moderna e contemporanea di Bergamo che ospita collezioni e mostre temporanee di assoluto pregio.
  • Nei dintorni
Se avete un po' di giorni a disposizione è consigliabile visitare i dintorni della città di Bergamo. Nella provincia si trovano altri luoghi artistici, storici e architettonici di assoluto pregio, come il Monastero di Astino risalente al 13esimo secolo e l'Abbazia di Pontida o posti naturalisti assolutamente fantastici, come il Parco regionale dei colli di Bergamo che organizza molte escursioni o le località turistiche della Val Brembana, come Serina, Foppolo, Carona, solo per citarne alcuni.

Casoncelli e polenta taragna: la calorica cucina bergamasca

Casoncelli e polenta taragna: la calorica cucina bergamasca
Se siete perennemente a dieta, dovete assolutamente fare uno sgarro quando visiterete Bergamo. La cucina di questa zona d'Italia è deliziosa, ma tutt'altro che leggera. Si tratta di una gastronomia semplice e varia che fa del formaggio il suo punto di forza. Tanti i formaggi che vengono prodotti nelle zone circostanti alla città e per questo sono molto consumati dai cittadini del posto. Tra questi si nominano il Branzi, la formaggella della Valtellina, il Formai de mut, il Taleggio, il Gorgonzola, gli Stracchini e i caprini.

Con un mix di tutti questi formaggi si prepara uno dei piatti più amati e tradizionali del posto, ovvero la polenta taragna, consumata principalmente in inverno. Si tratta di una polenta cotta in un pentolone insieme ai formaggi fusi. Ma la polenta, qui, si gusta in tutte le maniere: dalla polenta e osèi (ovvero polenta e uccellini) a quella abbrustolita, dalla polenta con il salame a quella con le salamelle, senza dimenticare la polenta e stufato d'asino, quella con l'umido di coniglio, con il brasato, con il baccalà (anche se questo - per tradizione - è un piatto più veneto, ma del resto la gastronomia veneta ha molto influenzato la cucina di questa zona) e chi più ne ha più ne metta.

Tra le altre ricette molto diffuse spicca un primo piatto: i casoncelli alla bergamasca, con la variante, rispetto a quelli bresciani, della pancetta come condimento, oltre al burro fuso e salvia. Ma anche minestre, zuppe, risotti, zuppa d'orzo, strangolapreti e gnocchetti di spinaci si trovano nella maggior parte dei menù dei ristoranti e delle taverne sia in città che nei paesi di provincia.

Per quanto riguarda i secondi piatti, la tradizione vede prevalere il capretto, le lumache in umido, le rane fritte, i sanguinacci e i salami freschi.

Sul fronte dolci, invece, primeggia la torta Donizetti (che prende il nome dal più illustre cittadino di Bergamo) che consiste in una sorta di ciambella friabile con canditi di ananas e albicocca. Ugualmente diffusi i dolcetti di marzapane a forma di polenta e osèi, fatti con pan di Spagna, farina di mais, zuccheri e decorati con pezzetti di cioccolato a forma di piccoli uccellini.

Tanti sono i posti dove potrete mangiare a Bergamo. Se siete in Città Alta e cercate un localino molto tranquillo, alla mano e con prezzi economici si consiglia: Il Circolino, storico punto di riferimento per gli studenti universitari, che offre e prezzi abbordabili specialità tipiche del posto. Non mancano mai, ad esempio, i famosi casoncelli. Si tratta di una taverna, ideale anche per il post serata. In città Bassa il punto di ritrova è l'Osteria D'Ambrosio, conosciuta più comunemente come "Da Giuliana", situata in via Broseta al civico 58 A. Chi invece cerca posti più raffinati può optare per il ristorante Vittorio, in viale Giovanni XXIII al civico 21, uno dei posti più chic della città. Si menzionano inoltre la Trattoria Balzer lungo il Sentierone (civico 41), la Taverna del Colleoni e dell'Angelo in Piazza Vecchia 7, la Trattoria Borgo San Lazzaro nell'omonima via al civico 8 e la Trattoria della Colombina in via Borgo Canale 12.

Musica, cinema e feste patronali: il calendario degli eventi bergamaschi

Musica, cinema e feste patronali: il calendario degli eventi bergamaschi

Sono moltissime le manifestazioni, gli eventi, le kermesse che animano la città di Bergamo: si tratta di feste popolari, sagre, festività religiose e festival internazionali. Ecco tutto quello che non dovete perdervi:

  •  Bergamo Film Meeting
Dal 1983 il Bergamo Film Meeting rappresenta uno dei momenti culturalmente più significativi della città di Bergamo. Si tratta di un festival volto a sponsorizzare e promuovere il cinema d'essai nazionale e internazionale. Si svolge nel mese di marzo.
  • Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti
Al teatro Donizetti da non perdere è la stagione lirica dedicata al famoso compositore bergamasco che attira in città artisti di fama internazionale.
  • Cortopotere ShortFilmFestival
Non solo cinema. A Bergamo le arti visive sono apprezzate nella loro diversità: ecco perché oltre al noto Bergamo Film Meeting ha molto successo anche il Cortopotere ShortFilmFestival, che dal 2000 si svolge in città concentrandosi solo e esclusivamente sui cortometraggi.
  • Soap Box Rally
Suggestiva e allegra la manifestazione chiamata Soap Box Rally che consiste in una gara con macchine di legno lungo la strada che costeggia le belle mura venete di Città Alta.
  • Sant'Alessandro
Il 26 agosto si festeggia il santo patrono della città di Bergamo, ovvero Sant'Alessandro: celebrazioni religiose, concerti, giostre e soprattutto la kermesse Notti di luci con i suoi giochi di illuminazione amano la città.
  • Celebrazioni di mezza Quaresima
Sfilate con carri e maschere e rogo della vecchia sono gli elementi che caratterizzano le celebrazioni di mezza Quaresima organizzate dal Ducato di piazza Pontida.
  • Festival Internazionale del Folclore
L'amicizia tra i popoli è il tema del Festival Internazionale del Folklore organizzato ogni anno dal Ducato di piazza Pontida durante il mese di agosto.
  • Mercatino di Santa Lucia
Il 13 dicembre lungo il Sentierone in città Bassa potrete assistere al tradizionale mercatino per celebrare Santa Lucia.
  • Bergamo Scienza
Si tratta di un festival scientifico, tecnologico e naturalistico che dal 2003 propone durante il mese di ottobre conferenze, incontri e mostre allo scopo di diffondere le scienze.
  • Orobie Film Festival
A febbraio l'attenzione è concentrata sull'Orobie Film Festival, un evento internazionale per gli amanti del documentario di montagna e del film a soggetto.