Logitravel

Guide Turistiche di Lago di Garda

Lago di Garda

Lo specchio d acqua che unisce tre Regioni

Lago di Garda

Un paradiso naturalistico

Un paradiso naturalistico
La grande caratteristica del Lago di Garda è che bagna tre diverse Regioni d'Italia: è la cerniera tra la lombarda provincia di Brescia, la provincia di Verona e quella di Trento. Si tratta di uno specchio d'acqua che non solo vanta la nomea di essere il principale lago italiano con i suoi 370 chilometri quadrati di superficie, ma che conferisce alla zone che bagna un paesaggio davvero indimenticabile fatto di verdi colline. Ecco perché non deve stupire che le località che si affacciano su questo lago siano, ogni anno, invase da milioni di turisti: si tratta di una zona fortemente rinomata, anche perché offre l'occasione di visitare importanti centri culturali e artistici, come Verona e Mantova, oltre a piccole località di indubbio fascino come Riva del Garda, la bella Sirmione e Gardone e ancora affascinanti percorsi collinari e immersi nel verde, sulle cime del Monte Baldo (che separa il lago di Garda dal parallelo fiume Adige), all'interno del parco della Lessina e in quello del Mincio. Quella sul lago di Garda è la vacanza ideale per chi vuole avere la possibilità di cambiare genere di vacanza di giorno in giorno, passando di tanto in tanto dal turismo urbano a quello naturalistico.

Senza ombra di dubbio, però, ciò che colpisce di più di questa zona è lo splendido paesaggio naturale. Oltre alle colline vanno menzionate le cinque piccole isole che si trovano all'interno del lago. La più grande porta il nome omonimo, ovvero isola del Garda e viene ricordata perché in questo piccolo lembo di terra nel 1200 San Francesco d'Assisi fondò un piccolo monastero, che restò in piedi fino al Settecento, quando al suo posto fu realizzato un palazzo in stile neogotico-veneziano che ancora oggi è visibile. Segue l'isola di San Biagio, popolarmente conosciuta come l'isola dei conigli, in ricordo del periodo nel 16esimo secolo in cui conigli e lepri venivano cacciate in questo posto. E ancora l'isola degli Olivi, l'isola del sogno e la più meridionale isola del Tremelone (o Tremellone) rappresentano le rimanenti tre isole.

Su tutto il territorio adiacente alle acque dolci del Garda è possibile ammirare le molte specie di flora e fauna che vi abitano. La vegetazione lacustre è quanto mai affascinante e varia, si possono trovare castagni, noci, olivi, ma anche coltivazioni di cereali, oltre a una lunga lista di specie selvatiche che riescono a sopravvivere grazie al clima vario della zona (sub-mediterraneo nella parte costiera e alpino sui monti circostanti). Gli amanti di piante e fiori non possono non risalire sul Monte Baldo, che fin dai tempi antichi vanta la nomea di essere "il giardino d'Europa" per via della sua immensa varietà (dalle artemisie ai lecci, passando per i peri, i frassini ornielli e molti altri ancora. La zona degli Olivi investe per lo più le località della provincia veronese, non a caso conosciuta come Riviera degli Olivi. Quella bresciana porta il nome di Riviera dei Limoni, dato che è questo il prodotto maggiormente coltivato negli eleganti giardini della zona. Per quanto riguarda la fauna, non manca una grande varietà di specie ittiche: si contano ben 25 tipi diversi di pesci, dalle anguille al luccio, passando per il persico reale, la tinca, la trota, solo per citarne alcuni. Numerosi anche gli uccelli acquatici,come le anatre, i germani reali e i cigni.

In passato il Lago di Garda era conosciuto con un nome distinto: si chiamava Benacus, le cui origini risalgono con tutta probabilità alla omonima antica città che sorgeva nelle vicinanze di Toscolano o al lago Naco o Nago situato ai piedi del monte Peneo. Il nome Garda fu affidato con l'arrivo di Carlo Magno che trasformò Garda in una contea allargando la giurisdizione su tutte le località bagnate da questo specchio d'acqua. Ciò nonostante, ancora oggi, è possibile sentire qualche persona chiamare questo lago con il suo nome arcaico.

Le località, i monumenti e i luoghi naturali

Le località, i monumenti e i luoghi naturali
Sono moltissime le località che si trovano sul lago. Le più numerose sono quelle incluse all'interno della provincia di Brescia, ovvero Sirmione, Desenzano del Garda, Lonato del Garda, Padenghe sul Garda, Moniga del Garda, Manerba del Garda, San Felice del Benaco, Salò, Gardone Riviera, Toscolano-Maderno, Gargnano, Tignale, Tremosine, Limone sul Garda. 
Seguono le località della provincia scaligera, come Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone, Malcesine. 
E infine, sono solo due le cittadine della provincia di Trento bagnate dal Garda, ovvero Riva del Garda e Nago-Torbole. 
Ecco, a seguire, alcuni interessanti luoghi che non potrete non visitare durante la vostra vacanza sul lago di Garda:
  • Lungo la sponda occidentale
Tante sono i luoghi di interesse storico, artistico e naturalistico che si trovano lungo la sponda occidentale del Lago di Garda. Tra i monumenti si menziona il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera, nel bresciano: si tratta del mausoleo con la tomba del poeta italiano Gabriele d'Annunzio. Da non perdere la bella villa e il grande parco dotato di un teatro all'aperto. Per quanto riguarda i percorsi in mezzo alla natura vale la pena di visitare la piccola isola del Garda con la sua villa neogotica-veneziana e i fantastici giardini, la Rocca di Manerba che è un piccolo promontorio a picco sul lago che offre una vista panoramica mozzafiato e la Valle delle Cartiere, situata a Toscolano-Maderno, un luogo perfetto per chi ama fare le escursioni in montagna.

Gli amanti del brivido e delle fotografie non possono non inserire nel loro taccuino di viaggio una tappa a Tremosine dove si trova la famosa "terrazza del brivido": si tratta di una terrazza, appunto, che si affaccia sul lago, a 350 metri dall'altezza. Un luogo non consigliato a chi soffre di vertigini. Nella sponda ovest del lago, inoltre, ci sono interessanti parchi naturali, come il Giardino Botanico A. Hruska, situato a Gardone Riviera che vanta ben 2mila piante provenienti da ogni parte del globo e il parco di Gargnano chiamato Paro Alto Garda Bresciano, una zona verde situata a 2mila metri di altitudini e grande oltre 40mila ettari, un parco naturalistico dove vivono diverse specie animali e vegetali.
  • Lungo la sponda orientale
La parte est del lago non è da meno di quella ovest, anche qui ci sono interessanti luoghi che potrete visitare. A piedi è consigliabile raggiungere la Rocca di Garda, uno sperone di roccia che offre viste indimenticabili. Da non perdere poi la Dogana Veneta a Lazise, che si tratta di una antico palazzo di stampo scaligero oggi utilizzato come teatro di manifestazioni culturali o come centro di congressi. A Lazise, inoltre, si trovano le famose terme, dove poter rilassarvi facendovi coccolare dalle acque calde.

Un altro luogo ideale per un po' di relax è Punta San Vigilio, una piccola penisola collocata tra Garda e Torri del Benaco con una spiaggia e un porticciolo ricco di ogni comfort. Anche questa zona, inoltre, presenta i suoi parchi naturali, come l'Orto Botanico di Novezzina e la Riserva Naturale Gardesana Orientale entrambi posti sul massiccio montuoso di Monte Baldo.
  • Lungo la sponda meridionale
Nella zona sud del lago vale la pena di segnalare il Parco Giardino Sigurtà e il parco del Mincio situati nel comune di Valeggio sul Mincio che non affacciano sul lago, ma che si trovano a pochi chilometri di distanza. Si tratta di una zona inclusa all'interno della riserva naturale della Valle del Mincio, ricca di fascino.
  • I percorsi
Sono molti i percorsi prestabiliti che potrete seguire in questa zona: si va dall'itinerario improntato a scoprire le zone collinari nei dintorni delle città di Brescia, Mantova e Verona, con i grandi castelli e i piccoli centri medievali. E ancora la Strada dei vini e dei sapori del Garda, un itinerario che si snoda lungo le spiagge partendo da Sirmione fino a Limone sul Garda.
  • Nei dintorni
L'occasione fa l'uomo ladro, si dice. Ecco perché una volta qui non potete perdere l'occasione per visitare alcune delle bellissime città che si trovano nei dintorni del lago di Garda. Prima di tutto Verona, patria di Romeo e Giulietta, centro incredibilmente attraente e ricco di monumenti d'importanza internazionale, partendo dalla famosa Arena, una delle testimonianze dell'epoca romana meglio conservate d'Italia. E ancora Mantova con le sue testimonianze lasciate dai Gonzaga, inclusa nei beni patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. Per finire con Brescia, la Leonessa d'Italia, ricca di edifici storici e musei rinomati.

La cucina del lago di Garda

La cucina del lago di Garda
Trattandosi di una zona di confine tra tre Regioni d'Italia (Veneto, Lombardia e Trentino-Alto Adige), il lago di Garda vanta una tradizione culinaria allargata che trae spunto da tutti e tre questi territori. Ecco che diventa una meta ideale anche per il turismo gastronomico perché permette di mixare alcuni tra i piatti e le ricette tipiche migliori di tutto il nord del Bel Paese. Quella del lago di Garda è una cucina a 360 gradi che abbraccia con la stessa intensità e la stessa passione sia i piatti a base di carne che quelli a base di pesce (d'acqua dolce, ovviamente): una gastronomia delicata, raffinata, ma nello stesso tempo gustosa che non lascerà delusi i visitatori. Due sono gli elementi da non dimenticare: vino di qualità e prelibato olio extravergine d'oliva. Il primo accompagna tutti i pasti, siano essi cene o pranzi, il secondo è il condimento usato e abusato in questa zona, in grado di fornire alle varie ricette quel profumo e quel sapore naturale che le caratterizza. Per quanto riguarda i piatti tipici di questa zona è necessario fare delle piccole distinzioni: i piatti tradizionali variano di parte in parte. Generalmente è possibile dividere il territorio sul lago di Garda in quattro aree di interesse culinario, ognuna con una propria particolarità.

Ecco le quattro zone:
  • Il Garda trentino
I piatti tipici di questa zona sono la carne salada, i broccoli di Torbole, i marroni di Drena, la polenta, il pesce di lago, le susine di Dro, lo strudel di mele e una sfilza di formaggi e salumi. Tra i vini si segnalano il Pinot Bianco, il Vino Santo, il Muller Thurgau e lo Chardonnay, solo per citarne alcuni.
  • L'alta riviera bresciana
Risotto, casoncei, piccione farcito, minestra mariconda e persicata (specialità tipica medioevale) sono solo alcuni dei piatti che potrete assaggiare nelle zone del Lago di Garda nella provincia di Brescia: si tratta di piatti tipici della città della Leonessa d'Italia, saporiti e gustosi.
  • La Val Tenesi e le colline moreniche mantovane
Paste fatte in casa, tortelli di zucca, formaggi e salumi: a tutto questo unite un'ottima carta dei vini e avrete almeno in parte il sentore di cosa rappresenta la cucina in questa parte di lago.
  • La riviera veronese che raggiunge la cima del Monte Baldo
Da provare anche la cucina più propriamente veronese: oltre a quella legata alla presenza del lago con piatti di pesce d'acqua dolce, c'è infatti in questa zona una forte tendenza a recuperare la tradizione culinaria montana veronese. Polenta, peverdada, brodo e i famosi bigoli sono alcuni dei piatti tipici di questa zona.

L'estate movimentata sul lago di Garda

L'estate movimentata sul lago di Garda
E' l'estate il momento in cui il Lago di Garda prende vita. E' in questa stagione infatti, che va da giugno a settembre, che nelle molte località, che si affacciano su questo specchio d'acqua, si organizzano eventi di ogni sorta, festival musicali, kermesse teatrali, appuntamenti sportivi, manifestazioni culturali senza dimenticare i numerosi spettacoli pirotecnici molto amati sia dai turisti che dai cittadini del posto: i fuochi d'artificio sul lago creano infatti un'atmosfera incredibile.

Ecco allora un piccolo riassunto delle principali manifestazioni che rendono movimentata la stagione del Solleone sul lago, dividi mese per mese:
  • Giugno
Si va dal Festival internazionale dell'arrampicata giovanile chiamato Rock Junior che si tiene a Araco al Palio del Chiaretto di Bardonlino, dal Palio delle bisse (tipiche imbarcazioni del lago) a Garda alla Festa di Sant'Angela Merici di Desenzano con la rievocazione storica in costume della battaglia di S. Martino. E ancora, le gare di Triatlon internazionale a Bardonlino, la festa della musica con concerti ed esibizioni a Arco, gli spettacoli di fuochi d'artificio a Limone, la festa del Pesce a Malcesine, l' International Riva Day (ovvero il raduno di barche d'epoca e motoscafi) a Gardone Riviera, il Garda jazz Festival a Riva del Garda, la Festa di Sant'Antonio a Salò.
  • Luglio
Nel mese di luglio si ricordano: la Festa del Pesce a Desenzano, l'esibizione di giovani jazzisti nella New Jazz Generation di Gardone Riviera, la Festa dell'Ospite e dello Sport a Lazise, il palio delle Bisse notturno di Gargano, i fuochi d'artificio di Limone, la Festa di Sant'Anna a Calmasino a Bardonlino. E ancora la Festa nel Castello a Malcesine, il Musica Riva Festival, e la Festa del Lago a Sirmione.
  • Agosto
Nel mese di agosto si svolgono la Notte d'incanto con fuochi d'artificio a Desenzano, la notte magica di San Lorenzo a Brenzone, la Festa della Madonna della Neve a Lazise, il Torneo Internazionale di Tennis a Limone, il palio delle contrade con la gara di bisse a Garda, la Festa di San Rocco a Brenzone, la kermesse "calici di stelle" con assaggi di vini e prodotti tipici a Peschiera, l'Art Festival a Toscolano e l'evento enogastronomico "Vita nei borghi" a Tremosine.
  • Settembre
L'estate termina con settembre con i suoi molti eventi, come la regata velica Cento-miglia e la Festa della Vendemmia a Desenzano, la Festa delle Rive a Salò, il Festival settembrino a Torri, la kermesse gastronomica "Ciottolando con gusto" a Malcesine e la Rock Master, ovvero la competizione internazionale di arrampicata sportiva, di Arco.