Logitravel

Guide Turistiche di Pomezia

Pomezia

La città razionalista alle porte di Roma

Pomezia

L'architettura fascista di Pomezia

L'architettura fascista di Pomezia
La storia di Pomezia, cittadina alle porte di Roma, situata nell'Agro Romano, a sud della Città Eterna, è tutto sommato recente. Pomezia è stata edificata in epoca fascista, tra il 1938 e il 1939 e il suo stampo e la sua struttura urbana rispecchiano a pieno lo spirito del tempo. Gli edifici, le costruzioni, i palazzi sono tutti disegnati con stile razionalista, e costruiti sopra alla struttura tipica degli antichi borghi medievale rurali. La caratteristica tipica di Pomezia è proprio questa: vanta architetture squadrate, vie immense e rettilinee, murature in blocchi di tufo e archi che si estendono nella piazza centrale. Sono queste le caratteristiche tipiche dell'architettura fascista ancora oggi visibili a Pomezia.

Ma non è solo per questo motivo che la città merita di essere visitata. Oltre alla sua architettura vanta un ambiente naturale davvero eccezionale, a poca distanza, infatti, si estendono i Castelli romani e il Mare Tirreno.

Dell'antica Pomezia oggi è rimasto poco, ci sono solo alcune zone boschive ricche di olmi, querce e sugheri, zone paludose e alcuni tratti di dune ricoperte di vegetazione mediterranea (come ginestre e rovi di mori). Questa è l'unica parte sopravvissuta alla bonifica messa in atto in epoca mussoliniana e al processo di industrializzazione del territorio che si è attivato in quegli anni e che è proseguito sino agli anni Novanta. La zona marittima che si estende a ridosso della città di Pomezia se un tempo poteva vantare spiagge tranquille oggi appare in parte rovinata dalla speculazione edilizia, che qui ha la meglio.

E' curioso che la nascita di Pomezia sia collegata a una data ben precisa, ovvero il 25 aprile 1938 quanto fu posata la prima pietra. L'effettiva nascita della cittadina con i primi insediamenti va però ricollegata al 29 ottobre 1939. Pomezia fu presa di mira durante la seconda guerra mondiale, ma il dopoguerra segnò un periodo di ascesa economica.

La storia della città è anche collegata a un episodio di cronaca nera italiana, che ha avuto molto seguito, ovvero il caso Montesi: sulla spiaggia della costa pometina fu infatti ritrovato il corpo senza vita di Wilma Montesi. Nel corso degli anni sessanta e settanta, inoltre, Pomezia divenne meta per eccellenza delle vacanze della Roma bene. Oggi questa cittadina è molto conosciuta in primo luogo perché molti giovani romani hanno deciso di trasferirsi qui visti i prezzi proibitivi della Capitale, in secondo luogo perché continua a mantenere il suo ruolo di località balneare molto di moda.

Per raggiungere Pomezia in aereo è possibile fare affidamento sugli scali che servono la capitale, ovvero Fiumicino (Aeroporto internazionale Leonardo Da Vinci) che dista dal comune di Pomezia 38 chilometri e Ciampino a 27 km. Da qui si può proseguire noleggiando un'auto oppure prentendo il bus. Il periodo migliore per visitare questa zona d'Italia è l'estate: grazie all'azione del Mar Tirreno le estati qui non sono mai troppo calde, dato che vengono rinfrescate dai venti termici provenienti dal mare. Da evitare le mezze stagioni (autunno e primavera) quando le precipitazioni sono frequenti.

Pomezia, una città da visitare in lungo e in largo

Pomezia, una città da visitare in lungo e in largo
Certo, Pomezia non è Roma. Non si può paragonare la capitale d'Italia con un piccolo-medio centro di 61mila abitanti. Però nonostante le piccole dimensioni di Pomezia anche qui ci sono alcune cose da vedere. Se, quindi, avete deciso di prenotare un hotel o una casa per le vostre vacanze a Pomezia tra escursioni alla Città Eterna e giornate in spiaggia, lasciatevi un po' di tempo a disposizione per ammirare i lati artistici di questa città.

Ecco cosa vale la pena visitare:
  • Centro cittadino
Il centro storico di Pomezia è testimonianza dell'architettura fascista. La semplicità delle linee, l'utilizzo di materiali prevalentemente italiani e prevalentemente locali, il rifiuto (se non dove necessario) delle strutture in ferro e del cemento armato: sono queste le caratteristiche principali delle costruzioni di Pomezia. A queste si aggiunge poi una struttura urbana antica, che richiama i vecchi borghi medioevali. La piazza principale della città è Piazza Indipendenza che un tempo era conosciuta con il nome di Piazza Impero. Su questa si affacciano alcuni tra gli edifici più significativi di tutta Pomezia, ovvero il Municipio, la Torre Comunale (completamente distrutta nel corso degli attacchi della seconda guerra mondiale e ricostruita nel dopoguerra), l'ex Casa del Fascio e la Chiesa madre. E ancora da non perdere le piazze limitrofe, come Piazza del Mercato (conosciuta anche con il nome di San Benedetto da Norcia) con il suo monumento ai caduti di Nassirya e la Fontana Contraerea. Tra i luoghi d'attrazione che vale la pena nominare si ricordano inoltre la scala delle meraviglie che spicca in Largo Bradolini, via Orazio, l'ex cinema Pucci e l'ufficio postale, con il suo bell'edificio.
  • Museo Archeologico
Il Museo Archeologico Lavinium Città di Pomezia aperto nel 2005 conserva ed espone alcuni reperti trovati in zona che risalgono alla costruzione della cittadina e alcuni che invece risalgono all'antica Lavinium, dove secondo la leggenda Enea si rifugiò dopo essere fuggito da Troia. Nel museo si trovano quattro sale: la visita è assolutamente raccomandata per gli esperti e appassionati di arte e archeologia
  • Chiese
Tre sono le chiese principali della città di Pomezia, imperdibili per gli studiosi di architettura religiosa. Le chiese in questione sono quella di San Benedetto, quella di San Bonifacio e la Chiesa di San Michele.
  • Villa Romana
A poca distanza da Pomezia, a Torvaianica, si trovano i resti di un'antica villa romana.
  • Cimitero Militare Tedesco
 Dal 1960 si trovano in città il cimitero militare tedesco dove sono stati seppelliti oltre 27mila militari tedeschi morti durante la seconda guerra mondiale. Si tratta dei caduti nella battaglia di Monte Cassino e nello sbarco di Anzio e Nettuno.

La buona cucina romana a Pomezia

La buona cucina romana a Pomezia
Pomezia è un'ottima meta per tutti coloro che vogliono assaggiare la buona cucina laziale e romana, del resto si trova a soli 30 minuti di distanza da Roma. Ecco che qui potrete trovare i piatti della cucina romana tradizionale, quella che per intenderci è di derivazione rurale e contadina, una cucina tutto sommato povera preparata con prodotti della terra, nutritivi e gustosi. C'è una cosa che caratterizza normalmente la cucina nei ristoranti laziali: le porzioni sono sempre abbondanti. Pertanto non chiedete subito primo, secondo e contorno. Incominciate da una portata e se non siete ancora sazi, fate il bis.

Ma quali sono i piatti tipici e tradizionali che caratterizzano questa parte d'Italia? Va detto che a Pomezia troverete di tutto, dalle osterie specializzate in cucina romana ai ristoranti internazionali. Ma, dato che la gastronomia di questo posto difficilmente lascia delusi, è assolutamente consigliato provare le "chicche culinarie" del posto.

Ecco, a seguire, i piatti più comuni:
  • Spaghetti alla carbonara
Uova, guanciale o pancetta, una spruzzata di pepe e pecorino romano: sono questi gli ingredienti per una delle paste più famose di tutto il mondo, riproposta in tutta Italia e all'estero con molte varianti (c'è chi addirittura mette la panna o chi sostituisce il pecorino con il grana, ovviamente i romani veri storcono il naso di fronte a queste storpiature della ricetta tradizionale).
  • Bucatini all'amatriciana
Anche in questo caso a farla da padrona è il guanciale o la pancetta, stavolta combinato alla salsa di pomodoro e al pecorino, usato per condire rigorosamente i bucatini.
  • Rigatoni con la pajata
Si tratta di un sugo preparato con l'intestino tenue di diversi animali: a volte di manzo, altre di vitello, o ancora agnello e capretto.
  • Vermicelli cacio e pepe
Sebbene la ricetta abbia origini sarde è diventata con il tempo una tradizione della cucina romana, sostituendo il cacio con il tipico pecorino.
  • La coratella d'abbacchio
Servita sempre con i carciofi.
  • La trippa alla romana
Si tratta di un piatto di trippa che viene accompagnato da pecorino romano e aromatizzato al sapore di menta. Gustosissimo e molto apprezzato dalla gente del posto.
  • Saltimbocca alla romana
Si tratta di un secondo piatto che si prepara cucinando nel burro e nel vino bianco una fetta di vitello, prosciutto crudo e salvia.
Tanti sono i ristoranti di Pomezia, dove potrete assaggiare ottimi piatti. Ecco a seguire un elenco dei locali più conosciuti, che non vi lasceranno delusi:
  • Ristorante Taverna Lavinia
Si tratta di un locale ideale per tutti, dato che vanta un menù molto consistente sia di piatti di carne che di pesce. Tra le ricette che hanno fatto la fama di questa osteria si ricordano gli spaghetti al cartoccio, le linguine all'astice, i tonnarelli mare e monti e le fettuccine porcini e tartufo. Si trova nell’area dell'antica Lavinium, a pochi minuti dal centro storico di Pomezia, in via Lavinia 19.
  • Ristorante Da Schiano
In Torvaianica, lungomare Sirene 17 si trova questo ristorante, specializzato in cucina alla griglia (sia di carne che di pesce) e con un menù di dolci davvero da lasciare senza parole.
  • Ristorante Scalella
Scalella è il ristorante perfetto per gli amanti di pesce. Da provare le specialità della casa accompagnate da ottimo vino. Si trova in V. Laurentina KM 22.
  • Ristorante Trattoria I Cinque Poderi
Situato in Via Pontina Vecchia, Km 32.700, il ristorante I Cinque Poderi propone il meglio della tradizione culinaria laziale all'interno di un locale rustico e con un ambiente intimo.
  • Ristorante La Campagnola
Pesce e carne alla brace a cui si aggiungono piatti della tradizione locale, come puntarelle, broccoletti, cicoria e abbacchio alla scottadito. Si trova in Largo Mameli, al civico 20.
  • Ristorante L'Antico Borgo
Situato in una frazione di Pomezia, Pratica di Mare, è un locale con una cucina principalmente specializzata nella tradizione mediterranea.

I giorni di festa a Pomezia

I giorni di festa a Pomezia
Tre sono le principali feste che si svolgono nella cittadina di Pomezia, e sono legate al Carnevale, alla festa del Santo Patrono della città e alla festa dell'Assunta: sono questi i giorni più movimentati della città, ottime occasioni per visitare Pomezia. Eccole nel dettaglio:
  • Carnevale
Durante il Carnevale tutta la città prende vita: le strade si riempono di gente e di sfilate di carri, in ogni quartiere si respira un clima di festa e grandi e piccini popolano le piazze, le vie e i vicoli.
  • San Benedetto da Norcia
San Benedetto da Norcia è il Santo Patrono di Pomezia: la festa in onore del Santo Patrono si celebra l'11 luglio (giorno del santo) o la domenica successiva. La festa si accompagna da una grande lotteria, una fiera, spettacoli musicali e i fuochi d'artificio che animano la serata.
  • Ferragosto
Il 15 agosto oltre a essere Ferragosto rappresenta una festa religiosa molto importante, ovvero quella dell'Assunta, qui viene celebrata con una processione di barche in mare e una messa che si tiene sulle rive della spiaggia di Torvaianica.
A questi eventi (in assoluto i più coloriti tra quelli che prendono luogo a Pomezia) si ricordano i giorni festivi nazionali, come il Natale, il Capodanno, l'Epifania, il 25 aprile (festa dalle liberazione) la Pasqua, il 1 maggio (festa dei lavoratori), Ognissanti (1 novembre) e l'8 dicembre (Immacolata). Se siete in vacanza a Pomezia controllate anche il calendario delle feste e degli eventi che si svolgono nella capitale: Roma, la distanza che le separa è davvero poca (solo 30 km) pertanto potrete decidere di partecipare a qualche kermesse e a qualche festa nella capitale.