Logitravel

Guide Turistiche di Mauritius

Mauritius

Spiagge incredibili e fondali cristallini

Mauritius

L'isola delle spiagge

L'isola delle spiagge

Le Mauritius sono un insieme di isole situate nel sud-ovest dell'Oceano indiano, a circa 900 chilometri dalla costa orientale del Madagascar e a circa 3.900 km a sud-ovest dell'India. Lo stato è formato da un'isola principale, omonima, e da altre isole più piccole, ovvero Saint Brandon, Rodrigues e le isole Agalaga. Insieme all'isola francese di Riunione che si trova a circa 200 chilometri a sud-ovest, le Mauritius rientrano all'interno di quel gruppo di isole soprannominate Mascarene. Lo Stato ha una superficie di 1.865 chilometri quadrati: da nord a sud è possibile percorrere 65 chilometri, mentre da est a ovest 48. Il territorio dell'isola Mauritius è vario: la parte sud e l'altopiano centrale è caratterizzato da un terreno brusco, dove non mancano montagne e crateri vulcanici inattivi. La vetta più alta è rappresentata dal Monte Python, che svetta per 828 metri sul livello del mare. Sono ben 165 i chilometri di spiagge, caratterizzate da sabbia chiara e acque calme: chi ama la vita balneare si sentirà in paradiso, la barriera corallina qui regala scenari pazzeschi. 

 
L'isola di Mauritius vanta un clima caldo, anche se l'influenza oceanica mitiga le temperature. L'umidità e la presenza di una fitta vegetazione (dove spiccano le palme da cocco) rendono il clima eccezionale. 
 
A Mauritius è conosciuta come la Beach Island. Nel bel mezzo dell'Oceano Indiano, questo piccolo paradiso è circondato da lagune incredibili dove è possibile ammirare a occhio nudo tutte le sfumature del blu del fondale marino. L'acqua rimane a una temperatura calda tutto l'anno (23 gradi in inverno e 27 in estate). Il nudismo e il topless non sono comuni sulle spiagge pubbliche, gli hotel dell'isola non tollerano il nudismo, ma accettano che le donna prendano la tintarella senza il pezzo di sopra del costume. 
 
Probabilmente Mauritius è l'isola più multiculturale dell'Oceano Indiano. Le persone del posto hanno radici che rimandano all'Asia Meridionale, all'Africa, al Madagascar, alla Francia, all'Inghilterra e alla Cina, solo per menzionare alcuni luoghi. La lingua ufficiale in Mauritius è l'inglese, utilizzato per tutte le attività commerciali ed economiche. Tuttavia ci sono diverse lingue (dal francese al creolo passando per l'africano) che sono utilizzate dalla gente del posto per le comunicazioni di tutti i giorni. L'isola si trova in una zona colpita dai cicloni, che - di solito - si verificano durante l'estate australe (da dicembre ad aprile). Di norma circa 10 cicloni colpiscono l'Oceano Indiano durante questa stagione, ma pochi tendono a creare disagi alle Mauritius. 
 
La spiaggia è senza dubbio l'attrazione numero uno, ma non è la sola. L'isola Mauritius ha molto da offrire ai suoi visitatori, come parchi e giardini sport acquatici , escursioni e varie attrazioni...

Un paradiso per gli amanti del mare e delle immersioni

Un paradiso per gli amanti del mare e delle immersioni

Mauritius è considerata da tutti una Mecca per gli amanti delle immersioni e del mare. Ecco dunque che molte delle attività che potrete fare qui chiamano in causa questa bellissima distesa blu. 

  • Tour in catamarano 
Assolutamente consigliato il tour in catamarano. Di solito si tratta di una gita di un giorno con pranzo a bordo. I percorsi tipici sono tre. Il primo prevede un'escursione attraverso le isole settentrionali: il viaggio, in mare aperto, dura un paio d'ore e il cibo è servito quando il mezzo è ancorato in una laguna nella baia di Ilot Gabriel. Il secondo è la crociera alla scoperta della famosa isola dei cervi: barbecue a bordo e navigazione nelle acque calde della barriera corallina. Come se non fosse abbastanza questo tour prevede di avvicinarsi alle cascate di Grande Rivière Sud-Est. Infine l'ultimo tour è lungo la costa della Riviere Noire Bay e l'isola Ile aux Benitiers, sempre con pranzo a bordo. La vista dei delfini allieterà la vostra escursione. 
  • Surf , Windsurf e kitesurf 
I posti migliori per gli amanti del surf si trovano sulla costa occidentale e quella meridionale. Il periodo migliore per dedicarsi a questi sport acquatici è l'inverno australe, da giugno a settembre . Il punto più famoso è Tamarin, anche se ci sono molti altri posti degli di nota, come Ilot Sanchot u One Eye, per esempio. Una raccomandazione però è d'obbligo: tutti questi siti sono in mare aperto, oltre la barriera corallina, è sempre bene essere certi di essere abbastanza esperti per lanciarvi in questa avventura.
  • Immersioni 
Mauritius è un paradiso per gli amanti delle immersioni: la barriera corallina, i pesci esotici e la calda temperatura dell'acqua tutto l'anno rendono questo sport irresistibile anche a coloro che non lo hanno mai praticato. L'intera zona costiera dell'isola offre siti idonei per le immersioni, ecco i più famosi particolare: il Parco Marino di Blue Bay, le scogliere Flic en Flac , Le Morne e le isole settentrionali. Ci sono oltre 40 centri di immersione nel Paese e tutti gli alberghi vantano lezioni con corsi di certificazione internazionali ( PADI , NAUI ) e offrono le attrezzature di base gratis, come pinne, maschera e boccaglio. Ci sono una serie di attività che consentono di esplorare i fondi delle Mauritius in modi diversi ed indimenticabili: 
    • Submarine (Nord) : Sali a bordo di un sottomarino che ti porta a 35 metri di profondità. Un'esperienza unica e indimenticabile.
    • Sub - scooter (Nord): escursioni scooter sotto il mare.
    • Passeggiando sotto il mare: è possibile farlo sulla costa orientale.
  • Vela e altri sport acquatici 
Tutti gli alberghi offrono molte possibilità di divertimento. Gli ospiti potranno infatti dedicarsi a molti sport acquatici quali vela, hobby cat, kayak, sci d'acqua, e tanto altro ancora.
  • Parchi e giardini 
Non c'è solo il mare nell'isola di Mauritius. Ecco alcuni luoghi verdi dove potrete trascorrere una bella giornata all'insegna del relax e della natura:  
    • Casela e Yemen: più di 1.500 uccelli tropicali di 150 specie diverse, alcuni in pericolo di estinzione. Il parco ospita anche diversi mammiferi, come pantere, leopardi, tigri, struzzi, canguri, tartarughe giganti, scimmie e cervi. Si trova nella zona ovest di Cascavelle, si estende su 14 ettari e vanta curatissimi giardini tropicali. All'interno si trova un ristorante con spettacolare vista sul mare. Aperto dalle 9 alle 17 da maggio a settembre e dalle 9 alle 18 da ottobre ad aprile (chiuso 25 dicembre e 1 gennaio).
    • Il giardino botanico di Sir Seewoosagur Ramgoolam: questo giardino botanico è in Pamplemousses ed è anche conosciuto come The Garden of Pamplemousses. Il parco ospita numerose case coloniali tra cui anche la residenza di numerosi governatori delle Mauritius. Il giardino è di fama internazionale per via della varietà di piante, palme e alberi autoctoni ed esotici. Bellissimo il laghetto con ninfee giganti e gli alberi Talipot che, dopo 60 anni di crescita , fioriscono solo una volta prima di morire. Aperto dalle 9 alle 17.30. 
    • Le Domaine Anse Jonchée: questo parco è stato un pioniere sull'isola di Mauritius nello sviluppo del turismo verde e rimane ancora oggi un punto di riferimento nel settore per la sua splendida cornice naturale, dalla quale si vede una vista sulla baia di Mahebourg spettacolare. Cervi e tanti altri animali vivono liberi in questa riserva di 1000 ettari nei pressi di Mahebourg, nel sud-est dell'isola. Ci sono diverse attività organizzate: quad , pesca, caccia , cavalcata, gita 4x4 . La riserva ha molti alberi endemici e centenari e diverse specie di animali e uccelli, tra cui Crécerelle, un piccolo falco in pericolo di estinzione. È anche possibile trascorrere la notte in una delle dieci casette di legno o mangiare in un ristorante.
    • Vanilla Crocodile Park: come esplicitato dal nome, in questo parco è il coccodrillo ad essere protagonista. Ci sono però anche molti altri animali, come cervi, scimmie, tartarughe giganti, insetti o rettili. Situato nel sud di Mauritius, il parco vanta una splendida cornice naturale, con le sue piante endemiche ed esotiche e i fiumi che contribuiscono a creare un'atmosfera molto tropicale. Nel ristorante si può provare la carne di cervo e, naturalmente, quella di coccodrillo. Aperto dalle 9.30 alle 17.  
    • Il Ylang Ylang Garden: situato nel sud-est del paese, vicino al Le Domaine Anse Jonchée, il parco è dedicato alla coltivazione di Ylang Ylang, un fiore utilizzato come ingrediente principale per realizzare profumi e oli essenziali, per via delle sue note proprietà curative. Aperto dalle 9 alle 17, tutti i giorni. All'interno si trova un negozio che vende oli e prodotti tipici. 
    • Domaine de L'Etoile: parco naturale unico di 6.000 ettari nel sud-est, dove la foresta endemica e le vallate hanno una vista privilegiata sull'Oceano Indiano. Diverse sono le escursioni organizzate per vedere tutto ciò che questo parco offre: quad , 4x4 , giro in bicicletta, SUV , o camminate. Al suo interno potreste imbattervi in cervi, scimmie e uccelli , tra cui il Crécerelle Cateau Vert in pericolo di estinzione. Il parco ospita anche un percorso ideale per gli amanti del caffè che viene prodotto in queste terre dal lontano 1800.  
    • Domaine Les Pailles: situato nei pressi della capitale, Port - Louis, il Domaine les Pailles è una riserva naturale di 1500 ettari che può essere visitata solo con un tour 4x4 o a cavallo. Il parco contiene anche una serie di attività molto interessanti: da una vista al museo culturale fino allo zuccherificio ( XVIII secolo), senza dimenticare una tappa ala fabbrica di rum (datata 1758), al giardino delle spezie o un giro su una carrozza trainata da cavalli o su un treno d'epoca. Ci sono 4 ristoranti selezionati all'interno del recinto. Da non perdere il casinò situato all'interno di una vecchia casa coloniale.  
    • La terra dei sette colori: questo parco, situato tra le montagne della costa occidentale di Chamarel, è sempre stato un must per i visitatori di Mauritius. Tra la vegetazione lussureggiante spicca un vulcanico dotato di una particolare curiosità geologica: le sue dune hanno sette colori. Mescolandoli in un contenitore di vetro, questi sette colori restano separati. L'area è caratterizzata anche da piantagioni di banane e di caffè e da belle cascate.  
    • Iles aux Aigrettes : questa isola di 25 acri nel sud-est di Mauritius, nella laguna di Mahebourg, è una riserva naturale gestita dalla fondazione Mauritius Wildlife . I rappresentanti della fondazione vi porteranno alla scoperta dell'isola e vi mostreranno molti esemplari di flora e fauna presenti. I fondi derivati dal pagamento del bisglietto d'ingresso vengono utilizzati per conservare l'isola. 
    • L'Isola dei cervi: non è propriamente un parco, ma viene considerato tale. Situato sulla costa orientale, è un luogo non si può perdere, siamo sicuri che vi piacerà . Tante le attività che si possono fare, oltre a godere delle spiagge, come per esempio visitare le cascate di Grande Riviere Sud - Est o fare parapendio. 
    • Les Gorges de la Riviere Noire : il Parco Nazionale è una riserva naturale di oltre 6.500 ettari. Situato tra le montagne della costa occidentale dell'isola, la foresta è palcoscenico di una dozzina di uccelli endemici e oltre 150 varietà di piante. Per gli amanti della natura è un must. L' unico modo per visitare è a piedi con l'aiuto di una guida . 
    • Le Domaine de Valriche: il parco si trova nel sud dell'isola, come continuazione del parco Les Gorges. Ha una vista spettacolare sul mare del sud, offre cascate e fiumi e animali selvatici come cervi che si muovono nella natura incontaminata. Da visitare a piedi, in bicicletta, in quad o su una 4x4 . Questo parco è controllato dalla fondazione Mauritius Wildlife.

Cucina multiculturale

Cucina multiculturale

La gastronomia è qualcosa di imprescindibile per l'isola di Mauritius: la sua cucina è centrale per comprendere la storia di questo Paese e si tratta di una cucina multiculturale, variegata, la cui origine si colloca in un mix di cucina di altri paesi, ovvero creola, europea, cinese e indiana. Gli ingredienti più comuni sono il riso, presente in quasi tutti i piatti, il pollo, il pesce e i frutti di mare. 

 
Il pomodoro chiamato "pomme d'amour" è spesso usato , così come, l'aglio, la cipolla e lo zenzero. Il contorno è di solito rappresentato da riso e achards, un condimento che si prepara con frutta e verdure marinate in aceto. 
 
Riso e curry, che sull'isola si chiama carry, sono alla base di un pasto. Si cucinano con tutti i tipi di ingredienti, a piacere. 
 
Molti piatti tipici del posto si servono del tamarindo che conferisce quel sapore e quel tocco agrodolce che regala un'aurea esotica alla cucina locale. Molto abusato, inoltre, è il peperoncino che rappresenta una delle spezie predilette per gli abitanti del luogo. Per gli amanti del pesce è un paradiso: sono moltissime le varietà di pesce e di frutti di mare che potrete assaggiare. Da provare anche l'insalata di palma, vera e propria regina della cucina di Mauritius, tanto da essere soprannomina insalata dei milionari. 
 
Per quanto riguarda le bevande, tipico di Mauritius è il rum che è molto apprezzato. Molto comuni inoltre il Lassi, preparato con yogurt e acqua ghiacciata, e il Alouda, un infuso sciropposo di agar, latte e aromi.

Feste

Feste

L'isola di Mauritius presenta un calendario caratterizzato da 15 giorni festivi ogni anno. Sette giorni sono fissi: 1 e 2 gennaio (Capodanno), 1 febbraio, 12 marzo (giorno dell'indipendenza), 1 maggio (Festa del Lavoro), 1 novembre (il giorno tutti i Santi) e il 25 dicembre (Natale). 

 
Gli altri giorni, invece, corrispondono alle feste religiose e le date cambiano di anno in anno. Mauritius, con il suo multiculturalismo, ha un patrimonio etnologico invidiabile. Le sue feste sono molte e varie. Ma hanno tutte un comun denominatore: tutte condividono lo stile giocoso e tollerante. 
 
Gli abitanti del posto sono infatti molto cordiali e gentili con i turisti. Mauritius è un melting pot di culture, religioni, tradizioni e celebrazioni.

Altre guide turistiche