Scopri tutti i segreti della capitale greca e dell'isola turchese

Cominceremo il nostro viaggio ad Atene, la capitale della Grecia e centro della vita economica, politica e culturale del paese. Qui avrai tempo per visitare Plaka, ossia il centro storico, ed i monumenti più importanti della civiltà greca: l'Acropoli, l'Agorà e il Tempio di Zeus Olimpio.

In seguito, c'imbarcheremo su un volo alla volta dell'affascinante isola di Santorini, dove avremo a disposizione alcuni giorni da trascorrere a nostro piacere. Ti consigliamo di partecipare ad un'escursione al vulcano Nea Kameni, visitare Fira, capitale di Santorini, la città più fotografata di tutta l'isola e di soffermarti a contemplare il tramonto più bello del mondo nell'incredibile villaggio di Oía, degustando una cenetta in uno dei ristoranti sospesi sull'abisso... Goditi a modo tuo un viaggio unico ed esclusivo che soddisferà sicuramente ogni tua aspettativa. Non vorrai perdertelo, vero?

 

Scopri il programma del viaggio

Grecia

Giorno 1: Italia - Atene. Comincia l'avventura

Partenza del volo per Atene. Arrivo e trasferimento in hotel. Resto della giornata a disposizione Pernottamento.

Giorno 2: Atene. Il gioiello della Grecia Classica

Giornata a disposizione. Pernottamento presso l'hotel selezionato.

Giorno 3: Atene. Culla di grandi artisti e filosofi dell'antichità

Giornata a disposizione. Pernottamento presso l'hotel selezionato.

Giorno 4: Atene -Santorini. Verso l'isola dai magici tramonti

All'ora stabilita, trasferimento all'aeroporto di Atene per imbarcarsi sul volo perl'isola di Santorini. All'arrivo, trasferimento all'hotel selezionato. Pernottamento.

Giorno 5: Santorini. Scopri Akrotiri, la Pompei dell'Egeo

Giornata a disposizione. Pernottamento presso l'hotel selezionato.

Giorno 6: Santorini

Giornata a disposizione. Pernottamento.

Giorno 7: Santorini

Giornata a disposizione. Pernottamento.

Giorno 8: Santorini - Italia. Buon rientro a casa

All'ora stabilita, trasferimento all'Aeroporto di Santorini per imbarcarsi sul volo per Atene. Collegamento in seguuito con il volo di rientro in Italia. Buon rientro a casa!

SIMBOLO UNIVERSALE DELLA CIVILTÀ E DELLO SPIRITO CLASSICO

Conosci il luogo più significativo e famoso di tutta la Grecia

Percorrere l'Acropoli rappresenta un'esperienza unica ed indimenticabile per chiunque visiti Atene. Tradotto letteralmente dal greco, il termine " Acropoli" significa "città alta" ed incarna la caratteristica comune della maggior parte delle città greche che, grazie alla loro posizione, oltre ad avere una funzione difensiva, fungevano da sede dei principali luoghi di culto.

Tutto cominciò a metà del V secolo a.C, quando Pericle propose agli ateniesi un piano edile ambizioso per Atene. Le opere trasformarono l'Acropoli; vennero costruiti tre templi (il Partenone, l'Erechteion ed il Tempio di Atena Nike) ed un ingresso monumentale. Più tardi, nel IV secolo, venne edificato il teatro de Dioniso, mentre nel II d.C. quello di Erode Attico.

Durante la visita dell'Acropoli ti consigliamo:

  • Il Portico delle Cariatidi. Le statue dal corpo di donna sostituiscono le colonne nel portico sud dell'Erechteion. Quelle che si possono ammirare sono le copie, mentre quattro cariatidi originali sono esposte nel Museo dell'Acropoli.
  • Il Partenone. È l'edificio principale del complesso architettonico dell'Acropoli e venne eretto per custodire una scultura di legno, avorio ed oro di Athena Parthenos.
  • Il Tempio di Atena Nike. Sul lato occidentale dei Propilei, venne costruito nel 426 – 421 a.C.
Informazioni utili

All'Acropoli si accede mediante una porta monumentale chiamata "Propilei". Una grande statua di bronzo di Atena, realizzata da Fidia, occupava il centro del recinto. Alla destra della statua si ergeva il Partenone, che ospitava la statua crisoelefantina di Athena Parthenos, anche questa opera di Fidia, mentre alla sinistra l'Erechteion.

CONOSCI LA ZONA PIÙ ANTICA DELLA CITTÀ

Il quartiere è gremito da taverne, tavolini all'aperto, antiquari e negozi

Plaka, il cuore storico di Atene, conserva ancora il carattere autentico di un tempo, grazie alle viuzze tortuose sulle quali si affacciano numerose case del periodo ottomano, taverne, bar, antiquari, negozi di souvenir e bei locali con terrazze e tavolini all'aperto.

Il suo nome deriva dalla parola pliaka, utilizzata dai soldati albanesi al servizio dei turchi insediatisi ad Atene nel XVI secolo, per definire la zona.

Tra i principali luoghi d'interesse della Plaka, ti consigliamo:

  • La Panagia Gorgoepíkoös, conosciuta come la piccola cattedrale, con preziosi rilievi del XII secolo.
  • Il Museo degli Strumenti Popolari Greci che ospita una magnifica collezione di strumenti musicali.
  • Il Museo di Arte Popolare, con la miglior collezione di artigianato greco, di marionette ed oggetti decorativi di terracotta.
  • La Plateia Lysikratous, una piazza spettacolare, che fu spesso frequentata da lord Byron.
  • Il Museo Kanepopoutos, che alberga le opere d'arte ellenica migliori del mondo.

Il quartiere di Plaka ospita numerosi studi di artisti che utilizzano ancora la tecnica bizantina con tempera di uovo su legno trattato. I migliori si trovano nella zona che si estende al sud della Plateia Mitropoleos, nelle vie Filotheis ed Apollonos. Indipendentemente dalla religione che professi, se ti piacciono, potrai ordinare un'icona, che sarà pronta, in 24 ore, con l'immagine del tuo santo preferito.

NELLA PIAZZA SINTAGMA

L'originale cambio della guardia si celebra ogni ora di fronte al Parlamento

Il famoso Parlamento presiede la Piazza Sintagma ed è un edificio grandioso costruito tra il 1836 ed il 1842 come palazzo per Ottone, il primo re di Grecia. Proprio davanti al Parlamento si trova la Tomba del Milite Ignoto, protetta giorno e notte dagli "Euzoni", due guardie che indossano una peculiare divisa tradizionale che consiste nella fustanella, un gonnellino bianco a pieghe (400 pieghe che rappresentano gli anni della presenza ottomana in Grecia). Calzano scarpe con grandi pompom neri sulla punta ed una piastra metallica sotto le suole che serve per marcare il passo. La divisa s'ispira a quella che indossavano i ribelli greci durante la Guerra per l'Indipendenza dalla Turchia. È possibile assistere al cambio della guardia, una cerimonia assai originale che si ripete ogni ora dispari e che assume particolare solennità la domenica alle 10:45, accompagnata dalla banda musicale. È una sorta di ballo al quale partecipano cinque soldati: due che escono, due che entrano ed uno che li dirige. Quando termina il cambio, altri soldati (senza l'abbigliamento tradizionale e senza l'andatura peculiare che caratterizza gli altri) si occupano di sistemare agli euzoni la divisa, il berretto e di asciugare loro il sudore con un fazzoletto.

Lungo uno dei lati della Piazza Sintagma si trova l'Hotel Grande Bretagne, un lussuoso edificio costruito nel 1842 adibito ad hotel dal 1874. È l'alloggio preferito dalle grandi personalità che visitano Atene. Nella parte opposta al Parlamento si apre la via Ermou, una delle principali arterie commerciali di Atene, sempre piena di vita a qualsiasi ora del giorno.

Informazioni utili

La Piazza Sintagma, oltre ad essere una delle più conosciute della città, è sempre lo scenario preferito per celebrare manifestazioni, feste, concerti. La piazza, piena di vita a qualsiasi ora del giorno, è sempre gremita da gente ai tavoli delle caffetterie, passeggiando, od approfittando del collegamento wifi gratuito.

DA NON PERDERE

Sulla vetta troverai una graziosa cappella, un ristorante ed un teatro all'aperto

Il Monte Licabetto, conosciuto anche con il nome di Lykavittos, Lykabettos o Lycabettus, costituisce il punto più elevato della città ed offre le migliori viste panoramiche sulla capitale greca, specialmente sull'Acropoli. Si può raggiungere la cima a piedi, percorrendo un sentiero serpeggiante immerso nella pineta, in auto, oppure a bordo della funicolare.

Il momento migliore per l'ascesa è all'imbrunire, quando la città si tinge dei peculiari colori accesi del tramonto; ma anche di notte, per ammirare l'immagine spettacolare di Atene illuminata.

Una volta sulla vetta, potrai visitare la piccola cappella ortodossa di san Giorgio, una deliziosa costruzione bianca che conferisce un aspetto ed un carattere speciali alla montagna; qui potrai altresì cenare nel ristorante degustando i piatti tipici della gastronomia greca, così come assistere ad una delle varie rappresentazioni e spettacoli nel teatro all'aperto che ospita questo scenario naturale privilegiato.

Un po' di storia

La dea Atena desiderava che il tempio in suo onore sull'Acropoli fosse il più possibile vicino al cielo, quindi prese una rocca enorme da collocare sulla collina dell'Acropoli. Mentre la trasportava, però, ricevette una notizia che, dalla sorpresa, la fece sussultare, causando la caduta della rocca dall'alto di 278 metri su Atene, dando vita al Monte Licabetto.

In seguito, durante l'epoca classica, sulla cima della montagna venne costruito un tempio dedicato a Zeus e, durante l'occupazione turca, il monte rimase completamente disabitato. Infine, tra il 1880 ed il 1915 si realizzó un profondo rimboschimento, che convertì la collina nel fitto monte che oggigiorno possiamo ammirare.

DA NON PERDERE A SANTORINI

Scopri dal mare i panorami più belli dell'isola turchese

Santorini ha tanto da offrire, vanta meraviglie terrestri e marine. Un'escursione che si converte in un'esperienza unica da non perdere è, senza ombra di dubbio, quella all'isola vulcanica di Nea Kameni. Durante tutto l'anno vengono organizzate escursioni per visitare il vulcano, a bordo di barche che raggiungono Nea Kameni partendo dal porto di Athinios, a 12 km al sud di Fira, capitale di Santorini.

Nel corso della navigazione, si aprono splendide vedute su Fira e sul paese di Oia, costruiti sulla cima del promontorio. Una volta sull'isola, si può esplorare il vulcano percorrendo sentieri segnalati, raggiungendo la cima in 30 minuti. Presenta una grande fenditura, poiché non possiede un cratere. In seguito, di nuovo a bordo della barca a vela,si parte alla volta dell'isola di Palea Kameni, nota per le sue acque termali. L'escursione prevede, qui, una sosta per fare il bagno e godere dei benefici di queste acque e dell'argilla naturale.

L'ultima tappa sarà l'isola di Thirassia, con tempo a disposizione per pranzare nel bel porto di pescatori e fare il bagno nelle acque cristalline. Proseguimento, quindi, per Oia, un bel paesino dal quale si può ammirare un tramonto fantastico, o per il porto di Athinios.

Non te lo perdere

Le rovine dell'antica città dorica di Tera (Thira) s'innalzano sulla cima di una montagna con fantastiche vedute sul mare. Il percorso che attraversa il giacimento archeologico passa davanti ad una chiesa paleocristiana, case - molte delle quali abbellite da mosaici - all'agora, ad un teatro e ad un santuario del III secolo a.C. Queste vestigia furono portate alla luce dall'archeologo tedesco Hillen von Gortringen nel 1860 e risalgono ai tolomei, che costruirono templi in onore agli dei egizi durante il IV ed il III secolo a.C.

 

 

ESPERIENZE UNICHE A SANTORINI

Dal bel paese di Oia potrai contemplare i migliori tramonti dell'isola

I tramonti di Oia, nel nord di Santorini, vengono considerati i più spettacolari del mondo. Un'usanza diffusa sull'isola è quella di cenare in uno dei ristoranti arroccati sul promontorio e sospesi sull'abisso contemplando il sole che scompare dietro la caldera del vulcano

Un consiglio: se non vuoi perderti questo meraviglioso spettacolo della natura, siedi al tavolo di uno di questi ristoranti prima delle 19:00 per prendere il posto. Pensa, infatti, che qui si radunano centinaia di persone per ammirare, durante più di un'ora, uno dei tramonti più belli del mondo.

Un po' di storia

Colonizzata dai minoici nel 3.000 a.C, l'eruzione di quest'isola vulcanica nel 1.450 a.C conferì alla stessa la forma di una mezza luna. Per molti Santorini es la città perduta di Atlantide. I dori, che sbarcarono sull'isola nel VIII secolo a.C, la chiamarono Tera (Thira), mentre in seguito i veneziani la battezzarono con il nome di Santorini in onore a Santa Irene. Attualmente Santorini è considerata l'isola greca per eccellenza.

SCOPRI LA POMPEI DELL'EGEO

La città venne sepolta dall'eruzione del vulcano nel 1.600 a.C.

L'antica città minoica di Akrotirí è uno dei siti archeologici più affascinanti delle Cicladi.

Dopo l'eruzione del 1866, gli archeologi francesi rinvenirono vasi minoici ed un secolo più tardi il professore Spyridon Marinatos, in seguito agli scavi, scoprì l'intera città, conservata splendidamente dopo essere rimasta sepolta sotto tonnellate di cenere durante oltre 3.500 anni.

La città antica possedeva case del VI secolo a.C a due e tre piani, così come orci enormi per conservare gli alimenti (pithos). Esistevano, inoltre, un deposito di pithos per il grano, la farina e l'olio; una piazza triangolare con case di grandi dimensioni decorate con affreschi rappresentanti barche e pescatori e perfino un sistema di fognature.

Non sono stati rinvenuti, però né resti umani, né tesori. Si crede che gli abitanti, allertati dalle scosse, riuscirono ad abbandonare in tempo la città.

Informazioni utili

Puoi ammirare gli affreschi di Akrotiri presso il Museo Archeologico Nazionale di Fira, capitale di Santorini. Risalgono al 1.500 a.C ed assomigliano parecchio a quelli di Cnosso. I più conosciuti sono Il giovane pescatore -un ragazzo con pesci blu e gialli- e I giovani pugili - due giovani dai capelli lunghi e gli occhi a mandorla intenti a lottare. Non te lo perdere.

 

PARTI PER UN VIAGGIO GASTRONOMICO

La Grecia vanta alle spalle una tradizione gastronomica di oltre 4.000 anni

Gli antichi greci consideravano la cucina come una scienza, un'arte, una filosofia, Nei posti più remoti della penisola e nelle isole più antiche, potrai degustare piatti, assaggiare ingredienti e conoscere abitudini culinarie  che si sono conservati fino ai giorni nostri. Nel resto del paese la gastronomia possiede una marcata influenza ottomana. Il principale segreto del ricettario greco risiede nella sua semplicità e nell'impiego prevalentemente di prodotti locali.

Non perderti i piatti tipici:

  • Keftedes: polpette di maiale con uovo e pane grattugiato condite con erbe e cumino e fritte in olio.
  • Souvlaki: Spiedino alla griglia. Può essere di agnello, pollo, maiale, pesce o gamberi. Vengono conditi con limone, erbe ed olio d'oliva.
  • Choriátiki saláta: L'insalata greca è a base di pomodori, cetrioli, cipolla, erbe, capperi e formaggio feta.
  • Psária plaki: pesce cucinato con verdure in salsa di pomodoro ed olio di oliva.
  • Kléftiko: carne di capra avvolta in carta pergamena per conservare il succo e il sapore.
  • La musaka o mousakka è un piatto a base di carne tritata di agnello, melanzane e pomodori. Esistono anche alcune varianti con patate o zucchine.
  • Giaoúrti Kai méli: (yogourt con miele) si serve nella latterie, anche da asporto.

 

Sapevi che?...

In Grecia si produce la maggior varietà di olive del mondo. Per il loro condimento, si utilizzano ricette con secoli di antichità alle spalle. Dalle olive si estrae inoltre un olio di eccellente qualità, mentre dal latte di mucca, capra e pecora si produce una grande varietà di formaggi.

Guida della
Grecia

Adagiata sulla Penisola Balcanica e nell'area sud-orientale dell'Europa, la Grecia possiede oltre 2.000 isole disseminate dal Mar Ionico, ad ovest, fino all'Egeo, ad est.

Il territorio peninsulare confina con l'Albania, la Bulgaria, la Turchia e l'antica repubblica jugoslava della Macedonia. Dei quasi 11 milioni di greci, un 10 % vive nelle isole ed un terzo ad Atene, capitale e centro culturale, finanziario e politico che accoglie sotto lo stesso tetto l'antico ed il moderno.

Oggi si tratta di uno dei paesi europei più visitati, ma al tempo stesso meno conosciuti.

Usi e costumi
Il consiglio dei nostri esperti

Per trascorrere una vacanza ideale in Grecia, senza preoccupazioni, la cosa migliore è adottare la filosofia locale: sigá, sigá (“piano”, “piano”). Di questa forma mentis fa parte altresì la tradizione del riposino pomeridiano, soprattutto durante i torridi mesi estivi.

Come capita ovunque, l'educazione ed un comportamento adeguato e rispettoso è sempre ben visto, quindi imparare qualche parola in greco non guasta affatto.

Anche se raramente è richiesto l'abbigliamento formale, nelle chiese e nei monasteri è obbligatorio indossare vestiti non troppo appariscenti, ma alquanto sobri (pantaloni lunghi per gli uomini e gonne per le donne).

Nei ristoranti il conto include sempre il sovrapprezzo per il servizio, nonostante ciò, la mancia è ben accetta; si suole lasciare intorno al 10% se si è rimasti soddisfatti del servizio.

Informazioni utili

Preparando il viaggio
Documentazione necessaria

Per viaggiare in Grecia, i cittadini di nazionalità italiana dovranno presentare solamente la Carta d'Identità; non è necessario nessun tipo di visto.

Vaccinazioni e salute

Per viaggiare in Grecia non è necessario vaccinarsi. È consigliabile contrattare una polizza assicurativa privata o portare con sé la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), che coprirà la maggior parte dei casi che necessitino di assistenza sanitaria.

Differenza oraria

L'ora ufficiale in Grecia è di due ore in più rispetto a quella del meridiano di Greenwich, GMT+2. Quindi, durante tutto l'anno, Atene sarà un'ora più avanti dell'Italia.

Acquisti

Nella capitale, Atene, potrai trovare negozi di moda di ogni tipo, boutique di lusso ed i prodotti nazionali più tipici. In altre città o paesi esistono  numerosi negozi di artigianato, che vendono manufatti tessili ed in cuoio, souvenir tipici del paese e riproduzioni di oggetti antichi.

Clima

La Grecia gode di un clima mediterraneo temperato, con inverni miti ed estati calde. La primavera e l'autunno sono le stagioni migliori per un viaggio nel paese.

Nella destinazione
Moneta

La moneta ufficiale è l'euro.

Banche e carte di credito

Nelle principali città e nelle isole grandi viene accettata la maggior parte delle carte di credito di uso comune (Visa, American Express, ecc.), però in quelle minori è meglio portare con sé contanti.

Corrente elettrica

La corrente elettrica è di 220 volt a 50 Hz. Le spine sono di tipo europeo (perni rotondi).

Lingua ufficiale

Greco.

Valuta

Non esistono restrizioni relative all'importazione di valuta, sia locale che straniera.

Dogane

I beni acquistati nell'Unione Europea per uso personale ed introdotti in Grecia non sono soggetti al pagamento di dazi e tasse, purché questi siano stati pagati in altri paesi.

Logitravel.com

Più di 2 milioni di passeggeri si sono affidati anoi nel 2017. I motivi?

  • Ampia gamma di prodotti
  • Navigazione rapida, semplice e piacevole
  • Conferma on-line della tua prenotazione
  • Sconti considerevoli per Vendita Anticipata
  • Le migliori Occasioni dell'Ultimo Minuto
  • Il miglior servizio di attenzione al cliente