Cracovia

La città della memoria
Una città dal passato doloroso
Una città dal passato doloroso
Per lungo tempo la capitale della Polonia (ruolo ora rivestito da Varsavia), Cracovia è un centro bellissimo sulle sponde del fiume Vistola, ai piedi della piccola collina di Wavel, una città incantevole piena di storia, arte e architettura.

E' passata alla storia per le tristi vicende della seconda guerra mondiale, quando Cracovia fu occupata dai tedeschi divenendo la capitale del Governatorato Generale: in quell'occasione molte vestigia della cultura polacca furono rase al suolo, la comunità ebraica della zona rinchiusa nei campi di concentramento collocati proprio vicino alla città. Tra questi si ricordano due tristemente famosi, quello di Auschwitz e quello di Plaszow.

Sebbene la storia non giochi a favore di questa città, a Cracovia sono rimasti visibili alcuni interessantissimi monumenti e alcuni palazzi storici resistiti alla distruzioni. Dalla fine degli anni Settanta il centro storico della città, quello conosciuto con il nome di Stare Miasto (ovvero città vecchia) è stato annoverato tra i beni dell'umanità sanciti dall'Unesco.

Ogni anno sono migliaia i visitatori che si recano in questa città della Polonia, principalmente nel periodo estivo, da maggio-giugno fino a settembre, che corrisponde al momento non solo climaticamente più favorevole (con tempo soleggiato e scarse precipitazioni), ma anche quello più animato con una serie di manifestazioni, eventi, festival e kermesse.

Oltre al centro storico, da non perdere il quartiere ebraico di Kazimierz con le sue molte sinagoghe, e il cimitero ebraico, e il quartiere collocato sulla Collina di Wavel dove si trova l'antico palazzo reale dei sovrani polacchi. Le architetture religiose, quelle civili e quelle militare, i molti musei e i tantissimi giardini terranno occupate le vostre giornate lasciandovi ogni volta senza parole.

Lo scalo per raggiungere Cracovia è il Giovanni Paolo II International Airport Kraków-Balice collocato a circa 11 km a ovest della città. Da qui ci sono collegamenti diretti con il treno che in 15 minuti vi porterà al centro città.
Tutto quello che non dovete perdervi di Cracovia
Tutto quello che non dovete perdervi di Cracovia
  • Stare Miasto
Una visita alla città di Cracovia non può che iniziare dal suo centro storico, ovvero la città vecchia chiamata Stare Miasto che si sviluppa lungo la riva nord del fiume Vistola. In questo quartiere è possibile ammirare tutto lo stile medievale di Cracovia, proprio a partire dalla piazza principale, quella del Mercato chiamata Rynek Glówny. Ma non solo, sono presenti in questa parte della città moltissimi edifici di stili architettonici diversi, dal gotico al rinascimentale, senza dimenticare il barocco.
Ecco cosa non dovete perdervi del centro antico:
    • Piazza del Mercato e Sukiennice 
Su questa piazza si affacciano alcuni dei principali monumenti ed edifici della città, come la chiesa di Santa Maria e il famoso Municipio a torre, con i suoi 70 metri di altezza, unica parte rimasta in piedi dell'antico Municipio. Ma fra tutti una posizione di privilegio spetta al Palazzo del Tessuto, chiamato Sukiennice, vero e proprio edificio di spicco. Si tratta di un palazzo realizzato nel 15esimo secolo: un tempo era il teatro di mercati, compravendite, baratti e quant'altro. Oggi rappresenta un complesso pieno di ristoranti e negozi. Da ammirare anche le belle case che circondano la piazza, sono tutte kamienica, ovvero case in mattone datata nel 15esimo secolo.
    • Barbacane (o Barbican)
E' l'unico baluardo rimasto in piedi dalle antiche mura cittadine: si tratta di una struttura difensiva situata nelle vicinanze di Porta Florianska: un castello dalle forme più arabe che europee, realizzato alla fine del 1400 per aumentare la sicurezza della città. Oltre 130 feritoie si aprono sui muri e sulle sette torrette che compongono questa fortezza.
    • Chiesa di San Adalberto
E' una delle chiese più antiche di tutta l'Europa centrale, realizzata alla fine del primo millennio: il progetto iniziale era in legno, nel corso dei secoli è stata trasformata in stile romanico dapprima, e in stile barocco poi.
  • Collina di Wavel
Un quartiere da non perdere è quello che si estende verso la Collina di Wavel dove è possibile ammirare una serie di monumenti di grande valore storico artistico. Si parte dal Castello di Wavel (Zamek wawelski), un tempo residenza reale dei sovrani di Polonia e luogo dove avveniva l'incoronazione stessa dei re. Costruito in una posizione strategica, su una collina rialzata che consente una vista sino alle rive del fiume Vistola, fu realizzato per volere di Casmiro III in stile gotico.

Vicino al castello si trova poi una grotta, conosciuta sotto il nome di Caverna del Drago, per via della leggenda, vi visse un drago leggendario sconfitto dalle antiche popolazioni. Una statua del drago è presente sulla riva del fiume, in prossimità del castello di Wavel. Completano il quadro dei monumenti: la Basilica Cattedrale dei Santi Stanislao e Venceslao, dove si trovano le reliquie dei più importanti re della Polonia, la Chiesa dei Santissimi Felice e Adaucto, e la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.
  • Quartiere di Kazimierz
E' possibile, a Cracovia, ripercorre la storia ebraica seguendo la strada delle Sinagoghe: si tratta di un percorso all'interno del quartiere di Kazimierz, il luogo dove risiedeva la comunità ebraica fino al secondo conflitto mondiale. Lungo via Meisels troverete una serie di bellissime sinagoghe, come quella Tempel, quella Kup, di Isacco e la Sinagoga Alta. La più importante, perché la più antica, è la Vecchia Sinagoga che oggi ospita il Museo Storico di Cracovia, che illustra la storia degli ebrei in questa città. Nella zona si trova anche il cimitero ebraico, con la tomba del rabbino Isserles.
  • Università Jagellonica
E' la seconda università più antica della Polonia, dietro a quella di Praga. Fu fondata nel 1365 e in questo ateneo hanno studiato celebri personaggi, come Nicolò Copernico, Giovanni III di Polonia, Papa Giovanni Paolo II e Wislawa Szymborska. Il Collegium Maius del 15esimo secolo rappresenta uno degli edifici più rinomati di tutte le università del Vecchio Continente.
  • Musei 
Cracovia è la capitale culturale della Polonia, ecco perché non deve stupire che qui si trovino una lista infinita di musei dall'incredibile valore storico-artistico. Date un'occhiata alla grandissima varietà, sicuramente troverete un museo che attirerà la vostra attenzione. Si va dal Museo Nazionale di Cracovia (Muzeum Narodowe w Krakowie) che comprende al suo interno 8 musei diversi, ognuno con una propria caratteristica; al Museo di Storia della Città di Cracovia, anch'esso a sua volta suddiviso in 11 sotto-musei; dal Museo del Castello Reale del Wavel che espone antichi mobili, arazzi e gioielli al Museo della Cattedrale (Muzeum Katedralne), dedicato alle figura di Papa Giovanni Paolo II; e ancora il Museo Ebraico della Galicja (Muzeum Galicja), che documenta la presenza ebraica nei territori a sud est della Polonia, Il Museo di Archeologia con reperti che risalgono al paleolitico, il Museo del Collegio Maius dell'Università Jagellonica (Muzeum Uniwersytetu Jagiellonskiego Collegium Maius) e il Museo di Farmacia dell'Università Jagellonica (Muzeum Farmacji Collegium Medicum Uniwersytetu Jagiellonskiego), che ripercorre gli sviluppi della farmacia dal medioevo a oggi.
Birra e vodka sono il vero must delle bevande
Birra e vodka sono il vero must delle bevande
Carne, vodka e spezie: sono questi gli ingredienti principali che caratterizzano la cucina polacca. La buona tavola di Cracovia è in parte influenzata dalla gastronomia slava, in parte da quella ebraica e in minima parte anche da quella occidentale.

Qui è possibile mangiare piatti buonissimi nei molti ristoranti che si trovano disseminati per la città e gustare degli ottimi superalcolici, come la vodka vera specialità del posto.

Normalmente a Cracovia si suole pranzare abbondantemente, mentre, si tende a rimanere leggeri la sera, cenando con pasti abbastanza scarsi. Un tipico pranzo a Cracovia si articola sostanzialmente di tre portate: una zuppa, come antipasto, un piatto unico e il dolce, a chiudere. Il tutto rigorosamente accompagnato dal pane, che qui è di ottima qualità.

Per quanto riguarda gli antipasti, come anticipato, è la zuppa che la fà da padrona: si tratta per di più di minestre preparate con verdure (moltissimo usata la verza) e accompagnate da carne (principalmente pollo e maiale), latticini e spezie. Tra le più tipiche c'è la Borscht preparata con barbabietola rossa, aglio e cipolle; la Zupa grzybowa con i funghi e la Chlodnik fatta con barbabietola e panna acida e servita fredda.

Segue poi il piatto principale che vede la carne cucinata in ogni maniera: arrostita, alla griglia, fritta, servita fredda con salse. Diffusissime sono la carne di suino, di pollo e di anatra oppure la famosa salsiccia kielbasa. Tra le ricette più famose si annoverano il Bigos, ovvero uno spezzatino con crauti, carne o kielbasa; la cotoletta di maiale chiamata Kotlet schabowy, la Krakowska ovvero una variante della kielbasa, affumicata e servita con pepe e aglio; il Golabki che consiste in un involtino di verza cotto dentro il forno insieme al pomodoro piccante, carne macinata, cipolla tritata, riso o grano. E ancora, i Pierogi, ravioloni ripieni di carne, verdure o formaggio.

D'obbligo il dessert per concludere bene il pasto: Cracovia è rinomata per la sua pasticceria. Tra tutti spiccano la cheesecake chiamata Sernik e la torta Makowiec fatta con noci, semi di papavero, agrumi, uvetta e burro. Molto diffusi anche i dolci fritti, come le Faworki, simili alle chiacchiere che, in Italia, si mangiano nel periodo di Carnevale o i Paczki, frittelle ripiene di Marmellata.

Per quanto riguarda le bibite, se siete amanti del vino questo non è il posto giusto. Le birre sono quelle che vanno per la maggiore, accompagnate dai tè, che si bevono anche durante i pasti. Sono gli alcolici post cena a essere prelibati: come le vodke, di cui la Polonia è noto produttore. Tra queste la più famosa è la Wyborowa; da provare anche la Zubrówka, aromatizzata alle erbe.

Tra i ristoranti più rinomati dove gustare un buon pranzo o una buona cena si segnalano:
  • Wierzynek
Situato nel pieno centro della Stare Miasto, in Rynek Glowny 15 è un localino specializzato in cucina polacca. Da provare la zuppa di funghi, una delle specialità del posto.
  • Orient Express Restaurant
Cucina internazionale con i migliori piatti di tutti i paesi d'Europa, dalla Francia alla Turchia caratterizzano questo locale che trae spunto dall'omonimo romanzo di Agatha Christie.
  • Alef
Nel ghetto della città Kazimierz si trova questo bel ristorante ebraico, che dai primi anni del novecento propone cucina della tradizione ebraica e musica dal vivo.
  • Cyrano de Bergerac
In Slawkowska 26, all'interno di uno storico palazzo cinquecentesco si trova questo raffinato ristorante francese, l'ideale per gli amanti della nouvelle cousine.
  • Green Way
Si tratta di un ristorante-bar vegetariano, caratterizzato da interni chiari e spaziosi e musica di sottofondo. L'ideale per fare quattro chiacchiere. Si trova in Mikolajska 14.
Una città viva e vivace
Una città viva e vivace

Che Cracovia sia una città animata non c'è ombra di dubbio. Il periodo migliore per visitarla è tra i mesi di maggio e di settembre: in questo lasso di tempo, infatti, si svolgono la maggior parte delle manifestazioni e delle iniziative all'interno di questa città polacca. Si tratta di eventi che attirano moltissimi turisti e che riversano sulle strade e nelle piazze i tanti giovani (soprattutto universitari) che abitano la città. Feste religiose, eventi tradizionali e folkloristici, manifestazioni culturali: sono moltissime e variegate le iniziative che si svolgono a Cracovia.

Ecco, qui a seguire, una lista degli eventi da non perdere.

  • Wianki
Senza dubbio una delle feste più importanti per gli abitanti della città di Cracovia: il Wianki si celebra il 24 giugno, durante la notte di San Giovanni, ed è conosciuta anche con il nome di Feste delle Corone di fiori. La location è quella del fiume Vistola, vicino alla collina del Wavel: durante questa sera tutte le donne non sposate lanciano sul fiume una corona di fiori. Concerti, fuochi d'artificio e spettacoli si svolgono in concomitanza a questo evento.
  • Lajkonik
Una processione in costume ripercorre, durante il mese di giugno, l'assedio dei Tartari respinto nel 1827. La festa prende il nome da un guerriero in abiti orientali, che è divenuto poi il simbolo della città. Il guerriero, dopo un percorso intorno alle principali vie arriva in piazza del Mercato, viene accolto dal sindaco e si dà il via ai festeggiamenti che continuano per tutto il giorno.
  • Maratona di Cracovia
Un appuntamento fisso per gli sportivi è la Maratona di Cracovia, che si svolge ogni anno nel mese di maggio.
  • Festival Internazionale del Cinema
La rassegna cinematografica più importante della città si tiene a maggio.
  • Il Mese della Fotografia
E' ancora maggio il mese delle arti: durante questi 31 giorni si celebra il mese della fotografia, con mostre e rassegne.
  • Festival internazionale della Cultura Ebraica 
Si tratta di un festival che fornisce attività di intrattenimento (festival, concerti) ma che nello stesso tempo approfondisce alcuni aspetti fondamentali della cultura ebraica, come la cucina, la danza, i balli, la musica e la letteratura. Lo scopo è quello di far conoscere la cultura e la storia della popolazione ebraica di questa città. E' presente dal 1988 e si tiene ogni anno, a giugno, nel quartiere di Kazimierz.
  • Summer Jazz Festival
La musica jazz è la protagonista di questo festival che anima le vie della città nel mese di luglio.
  • Festival dei Teatri Ambulanti
Il teatro ambulante viene celebrato con un festival a tema che si tiene a luglio.
  • Giornate della Musica nella città antica
All'interno della Stare Miaste si svolgono ad agosto le giornate della musica locale. 
  • Zaduszki Jazz Festival
E ancora un appuntamento con il jazz, questa volta a novembre: nel giorno di ogni santi si celebra il famoso Zaduszki Jazz Festival.